mercoledì 1 febbraio 2017

Strage di Viareggio: condannati gli ex amministratori delle ferrovie

2009 Viareggio train explosion 01

Articolo da Vivere Italia

Gli ex vertici di Ferrovie dello Stato, Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia sono stati condannati dai giudici del Tribunale di Lucca per il disastro ferroviario di Viareggio del 2009, che provocò 33 morti.

Mauro Moretti, ex amministratore delegato di Ferrovie dello Stato e attuale ad di Leonardo-Finmeccanica, è stato condannato a sette anni. A sette anni e mezzo sono stati invece condannati l’ex ad di Rfi Mauro Michele Elia e l’ex ad di Trenitalia Vincenzo Soprano. L'accusa aveva chiesto la condanna a 16 anni per Moretti e 15 per gli altri due.

Moretti, Elia e Soprano sono i più importanti dei 33 imputati nel processo di primo grado sulla strage di Viareggio, accusati a vario titolo di disastro ferroviario, omicidio colposo plurimo, incendio e lesioni colpose. Gli altri sono amministratori, dirigenti e dipendenti di FS Logistica, Officina Cima, Officina Jungenthal e Gatx, la multinazionale statunitense proprietaria dei carri cisterna. I condannati sono stati 23, 10 gli assolti.


Tra le società imputate Ferrovie dello Stato e Fs Logistica sono state assolte, mentre sono state condannate Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia. Moretti ed Elia sono stati condannati come ex amministratori delegati di Rfi.

Continua la lettura su Vivere Italia

Fonte: Vivere Italia


Autore: 
Marco Vitaloni

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported


Articolo tratto interamente da Vivere Italia


Photo credit rabendeviaregia (IMG_3197) [CC BY-SA 2.0], via Wikimedia Commons


2 commenti:

  1. Condanne con prescrizioni in vista, menager colpevole che resta menager altrove...resta il dolore, il ricordo, qui siamo a due passi dallo scenario della tragedia, una realtà stravolta per sempre.

    RispondiElimina
  2. Io trovo scandaloso che una sentenza che fa giustizia sia con disprezzo considerata populista. Spero fortemente che in appello non solo lo condanne siano confermate ma perfino inasprite.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.