domenica 22 gennaio 2017

Si ha paura di mille cose...



"Si ha paura di mille cose, dei dolori, dei giudizi, del proprio cuore, del risveglio, della solitudine, del freddo, della pazzia, della morte... specie di questa, della morte. Ma tutto ciò è maschera e travestimento.
In realtà c'è una cosa sola della quale si ha paura: del lasciarsi cadere, del passo incerto, del breve passo sopra tutte le assicurazioni esistenti. E chi una volta sola si è donato, chi una volta sola si è affidato alla sorte, questi è libero. Egli non obbedisce più alla legge terrena, è caduto nella spazio universale e partecipa alla ridda delle stelle."

Hermann Hesse


5 commenti:

  1. Le novità ... il nostro essere interiore più profondo ... solo lui sa cosa sente ... spesso, troppo spesso ... nulla io, Cavaliere, ho messo da tempo, da parte la paura di perdere le persone ... la paura di "perdere" ... la paura ... cosa pragmatica dell'essere umano, che come la sofferenza, farà sempre parte di noi. Hesse scrive il giusto, solo che la paura del lasciarsi cadere è la paura del vuoto, della sbagliata consapevolezza dell'uomo, di non saper accettare che non tutto ci è dato di sapere ...Ciao e Buona serata.

    RispondiElimina
  2. Purtroppo non è così facile.

    RispondiElimina
  3. Veramente bella questa, caro Vincenzo, ciao e buona settimana, amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Affidarsi alla sorte… la libertà ( o forse in tal caso semplice aleatorietà?) che ne deriva forse nasce dall'esito di tale abbandono non pensi? Se l'esisto fosse negativo non so quanto questo ci renderebbe più liberi o invece più spaventati. Fose più che di libertà per abbandonarsi alla sorte trovo più giusto parlare di coraggio nell'affrontare le proprie paure.

    RispondiElimina
  5. Citazione bellissima, d'altra parte Hermann Hesse è un grande.
    sinforosa

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.