martedì 10 gennaio 2017

Al chiar di luna di Rabindranath Tagore


Al chiar di luna

Calma, calma questo cuore agitato,
tu, notte tranquilla di luna piena.
Troppe gravi preoccupazioni,
più e più volte
gravano sul mio cuore.
Versa tenere lacrime
sopra brucianti pene.
Con i tuoi raggi argentati,
portatori di sogno e di magia,
morbidi come petali di loto,
o notte, vieni, accarezza
tutto il mio essere
e fammi dimenticare
tutte le mie pene.

Rabindranath Tagore

2 commenti:

  1. C'è così tanto su cui versare lacrime, purtroppo....Forza e coraggio, caro Vincenzo! Buona notte e un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Che bei versi...mi sembrano particolarmente adatti al periodo che sto passando...un caro saluto, buona giornata!!
    Carmen

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.