lunedì 12 dicembre 2016

Jobs Act: aumento del 28% dei licenziamenti disciplinari



Articolo da Fanpage.it

I licenziamenti disciplinari, ovvero quelli per giusta causa e giustificato motivo, sono cresciuti del 28 per cento nei primi otto mesi del 2016, passando dai 36.048 dello stesso periodo del 2015 a 46.255 dell'anno in corso. È questa, probabilmente, una delle prime conseguenze del Jobs Act, la riforma del lavoro, promossa ed attuata in Italia dal governo Renzi, attraverso una serie di provvedimenti legislativi varati tra il 2014 ed il 2015. Per capire se questo dato ne sia davvero un effetto, il quotidiano La Stampa ha messo a confronto le storie di alcuni lavoratori che durante gli ultimi mesi hanno perso il posto con esperienze sul campo di consulenti, avvocati, economisti ed imprese.

A sostenere questa tesi, tra gli altri, c'è l'avvocato Giorgio De Stefani, che da trent'anni a Roma offre assistenza legale civile anche nel diritto del lavoro. "Il Jobs Act rappresenta un forte deterrente nelle relazioni aziendali – ha spiegato – e ciò ha indubbiamente provocato un cambio di paradigma. Soprattutto in aziende medio-grandi in crisi, nelle situazioni nelle quali prima si soprassedeva o si cercava una mediazione, adesso il datore di lavoro è più portato ad andare per le spicce perché dispone dello strumento tecnico per poterlo fare. Si tollera di meno, specie se non c’è un rapporto di conoscenza col dipendente". In questo modo, dunque, crescono i licenziamenti per ragioni disciplinari, quelli cioè sui quali è intervenuto il Jobs Act con il contratto a tutele crescenti.

Molti di questi casi sono arrivati in tribunale o all'attenzione dei sindacati. Tra questi, come riporta il quotidiano di Torino, c'è quello di Domenico Rossi, che per più di 30 anni ha lavorato come cassiere in un noto supermercato nel centro di Roma, licenziato senza preavviso lo scorso 3 giugno. Secondo l'azienda "è stato sorpreso, con merce non regolarmente acquistata, nell'atto di lasciare il punto vendita". "Quando i poliziotti hanno visionato le immagini delle telecamere interne – si è difeso il dipendente -, non hanno trovato niente di irregolare. Mi hanno perquisito e lasciato in piedi per due ore davanti ai clienti che passavano, poi mi hanno ripetuto più volte che l’unica cosa che mi restava da fare era presentare immediatamente le mie dimissioni per non andare incontro a conseguenze peggiori".

Continua la lettura su Fanpage.it


Fonte: Fanpage.it

Autore: 
Ida Artiaco


Licenza: Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.

Articolo tratto interamente da Fanpage.it 



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.