mercoledì 10 agosto 2016

La notte delle Perseidi



Articolo da Media Inaf

Se vi piace l’idea di esprimere un desiderio per ogni stella cadente vista, allora preparatevi una lunga lista: quest’anno infatti lo sciame delle Perseidi, le celeberrime meteore note anche come “lacrime di San Lorenzo”, si preannuncia particolarmente attivo. Tutto merito di Giove, che per un fortunato gioco di posizioni riuscirà ad incanalare verso la Terra, con la sua forza di attrazione gravitazionale, un numero maggiore rispetto al solito di particelle provenienti dalla cometa Swift-Tuttle, da cui appunto si origina il fenomeno. Grandi anche solo come un granello di sabbia, sono questi detriti che entrando a gran velocità (oltre 200 mila chilometri l’ora) nella nostra atmosfera “accendono” il cielo con le caratteristiche scie luminose.

Il picco dell’evento è previsto nella notte tra l’11 e il 12 agosto e, stando alle previsioni, si potrebbe addirittura arrivare a raggiungere, nel momento di massimo flusso, circa 200 meteore l’ora, ovvero il doppio di quello che si registra mediamente ogni anno durante questo spettacolo celeste.

Abbiamo già parlato dello sciame delle Perseidi nel video del Cielo del mese di agosto, dove potete trovare le mappe del cielo per orientarvi nell’osservazione del fenomeno, ma quest’anno abbiamo in serbo per voi una interessante novità: l’hangout dedicato alle Perseidi, che condurrà la nostra Elisa Nichelli. Saranno suoi ospiti Giovanni Valsecchi e Andrea Longobardo, ricercatori dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali dell’INAF di Roma, Ettore Perozzi dell’Agenzia Spaziale Europea e Lorenzo Colombo, già dell’Osservatorio Astrofisico di Torino dell’INAF e divulgatore per la pagina “Chi ha paura del buio?”. Un poker di esperti per raccontarvi tutto – o quasi – sulle Perseidi. E se proprio vi rimanesse qualche dubbio o curiosità, nessun problema: chiedetelo a loro in diretta, usando l’hashtag #perseidi.

Continua la lettura su Media Inaf

Fonte: Media Inaf


Autore: 
 

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

Articolo tratto interamente da 
Media Inaf



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.