venerdì 19 agosto 2016

Crisi idrica nel territorio palestinese

Water supply in West Bank and Gaza February 2014 2water photoblog

Articolo da Tlaxcala

Come ogni anno durante l’estate, la mancanza di acqua nella Striscia di Gaza si accentua. Allo stesso tempo, la carenza di energia causata dal blocco impedisce ai motori e pompe per l’acqua di spingerla dai pozzi e serbatoi a case e campi agricoli.

Il Beach Camp è una delle aree più densamente popolate di Gaza e di conseguenza uno dei più colpiti dalla scarsità d’acqua. Inoltre, a causa della sua posizione, direttamente sul mare, le sue falde acquifere sono alcune tra le più colpite dalla infiltrazione di acqua di mare e di acque reflue.


Abbiamo raccolto diverse testimonianze di persone colpite da questo problema, al fine di discuterne con l’ingegnere Monther Shoblak, Direttore Generale dei Comuni palestinesi  e Autorità Nazionale costiere per l’Acqua (CMWU).

La prima testimonianza è quella di Azzam Miflah El Sheikh Khalil, che dice “l’acqua viene solo una volta ogni tre giorni, e solo per poche ore, il che non è sufficiente [per riempire i serbatoi]. La gente non può immaginare come stiamo soffrendo a causa della mancanza di acqua. Inoltre, non vi è alcuna differenza tra l’acqua dei nostri pozzi e l’acqua del mare … Il problema principale è che quando c’è l’elettricità non c’è acqua corrente e quando c’è l’acqua corrente non c’è l’elettricità. L’unica soluzione che abbiamo sarebbe quella di acquistare un generatore per produrre elettricità quando c’è acqua, ma chi può acquistarlo se non c’è lavoro? ”

Nel blocco successivo vive il Mokhtar Kamal Abu Riela, che ha sottolineato lo stesso problema, “quando c’è l’acqua non c’è l’elettricità, e viceversa. Forse una volta ogni quattro o cinque giorni abbiamo acqua ed elettricità contemporaneamente per alcune ore. Ogni giorno compriamo la benzina per fare funzionare il generatore nelle ore in cui non c’è acqua corrente, ma la situazione economica delle persone è molto precaria e non tutti possono spendere 20 NIS al giorno per la benzina solo per avere l’acqua nei serbatoi. Spendiamo più sulla benzina che in elettricità o acqua in sé “.
Abbiamo chiesto al Mokhtar se si ricorda quando il problema è iniziato “dieci anni fa o giù di lì, con il blocco”.


Infine Im Majed Miqdad ha spiegato le difficoltà che lei e la sua grande famiglia devono affrontare nella loro vita giorno per giorno a causa della scarsità d’acqua “ci sono persone che costruiscono serbatoi interrati [ questi possono essere riempiti senza pompe] o che acquistano un generatore azionato con la benzina. Ma non tutti possono permettersi queste cose. Sono una di quelle persone che non possono pagare  20-30 NIS al giorno per la benzina per fare funzionare il generatore. Oggi, per esempio, nella mia casa e nelle case dei miei quattro figli e delle loro famiglie non abbiamo una goccia d’acqua, i quattro serbatoi sono vuoti. Siamo in attesa fino a quando acqua corrente ed elettricità coincideranno per riempirle. La situazione è molto difficile, non abbiamo acqua, non abbiamo l’elettricità, non abbiamo lavoro … Se l’acqua e l’elettricità coincidessero almeno tre ore al giorno sarebbe sufficiente per riempire i serbatoi abbastanza per passare la giornata. La gente deve capire che quando non c’è acqua, non si può usare il bagno, non si può fare la doccia, non è possibile pulire i piatti, la casa, i vestiti … E qui le famiglie sono cinque, sei, dieci membri … non siamo  solo due o tre persone in ogni casa “.

Date le frequenti lamentele della popolazione, la prima cosa che l’ingegnere Monther Shoblak vuole spiegare è che i fallimenti nel rifornimento idrico sono dovuti alle interruzioni di corrente e quindi non li possono controllare. “E ‘impossibile per noi abbinare l’acqua corrente con l’elettricità, come per trasportare l’acqua da una zona all'altra, motori e pompe sono necessari e quelli  non possono funzionare senza elettricità. Non possiamo controllare, perché non sappiamo quale pompa si fermerà e quando “.

Continua la lettura su Tlaxcala




Per concessione di ISM Italia
Fonte: https://palsolidarity.org/2016/08/the-gaza-blockade-is-causing-an-end-to-gazas-fresh-water-resources/
Data dell'articolo originale: 07/08/2016
URL dell'articolo: http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=18673


Fonte: Tlaxcala 

Autore: 
International Solidarity Movement - tradotto da ISM Italia

Licenza: Copyleft 


Articolo tratto interamente da Tlaxcala 


Photo credit Muhammad Sabah, B’Tselem (http://www.btselem.org/photoblog/20140219_water) [CC BY 4.0], via Wikimedia Commons

1 commento:

  1. ciao Cavaliere, spero che tu abbia passato un bel ferragosto.
    Mamma mia quanta cose hai pubblicato! :) ci metterò un bel po', per rifarmi delle mancate letture dovute alle vacanze, ma mi impegnerò :)
    a presto!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.