giovedì 28 luglio 2016

Turchia, i numeri della repressione



Articolo da Pressenza

Dopo il sanguinoso tentativo di colpo di stato del 15 luglio, i diritti umani in Turchia sono in pericolo. La reazione delle autorità è stata sommaria e brutale e ha scatenato un giro di vite di dimensioni eccezionali proseguito con la proclamazione, cinque giorni dopo, dello stato d’emergenza.

Amnesty International è sul posto, a Istanbul e Ankara, per documentare le violazioni dei diritti umani che si stanno verificando.

Ecco alcuni allarmanti numeri:

Secondo il governo, durante il fallito colpo di stato sono state uccise almeno 208 persone e ne sono state ferite oltre 1.400.

In seguito, sono state arrestate oltre 10.000 persone.

Oltre 45.000 persone sono state sospese o rimosse dall’incarico, tra le quali giudici, procuratori, funzionari di polizia e altre ancora.

Alla data del 25 luglio erano stati spiccati 42 mandati di cattura nei confronti di giornalisti e alla data del 26 luglio, sei giornalisti erano agli arresti.

Nei giorni successivi al fallito colpo di stato sono stati bloccati 20 siti Internet.

A decine di giornalisti è stato ritirato l’accredito-stampa ed è stata revocata la licenza a 25 organi d’informazione.

Secondo le informazioni raccolte da Amnesty International, i detenuti in custodia di polizia a Istanbul e Ankara sono costretti a rimanere fino a 48 ore in posizioni che provocano dolore fisico. Inoltre, sono privati di cibo, acqua e cure mediche, insultati e minacciati e, in diversi casi, sottoposti a brutali pestaggi e a torture, tra cui lo stupro.

La durata iniziale dello stato d’emergenza imposto il 20 luglio è di tre mesi, durante i quali il governo può agire tramite decreto senza voto parlamentare.

Continua la lettura su Pressenza


Fonte: Pressenza

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.


Articolo tratto interamente da Pressenza


3 commenti:

  1. Non ho parole per quello che stà succedendo in Turchia - davvero di Male in Peggio !

    RispondiElimina
  2. Spesso succedon d'estate, o è solo una mia impressione. Da non sottovalutare, e leggere con attenzione, la Turchia è in Europa, e questo non l'ha garantita ...e allora, a che serve l'Europa? Così come è a garantire il mercato e i mercanti e basta!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.