sabato 30 luglio 2016

Estate di Ada Negri


Estate

Nei mesi estivi il solleone
rende i muri così abbaglianti
che a fissarli vien sonno:
tende gialle e rosse
si abbassano sui negozi;
il nastro di cielo
che s'allunga fra due strisce
parallele di tetti
è una lamina di metallo rovente.
Dolce è non far niente,
accucciati sulle pietre roventi,
respirando il caldo.

 Ada Negri


3 commenti:

  1. Fantastica e purtroppo poco conosciuta per le nuove generazioni. Bravo Cavaliere.

    RispondiElimina
  2. Molto bella!
    Sono andata a leggere la sua biografia, incuriosita dopo la lettura di questa poesia, e... ha avuto una vita assai interessante per l'epoca:O
    Buona domenica Cavaliere!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.