martedì 14 giugno 2016

Oggi come ieri, domani come oggi di Gustavo Adolfo Bécquer


Oggi come ieri, domani come oggi

Oggi come ieri, domani come oggi,
e sempre uguale!
Un cielo grigio, un orizzonte eterno
e camminare, camminare…
Muovendosi a ritmo come una stupida
macchina il cuore:
la turpe intelligenza del cervello
addormentata in un angolo.
L’anima, che aspira a un paradiso,
lo cerca senza fede,
fatica senza scopo, onda che si avvolge
ignorando perché.
Voce che incessante con lo stesso tono
canta la medesima canzone.
Goccia d’acqua monotona che cade
e cade, senza cessare.
Così scorrono i giorni
uno dopo l’altro, senza posa;
oggi lo stesso di ieri…, e tutti,
senza gioia né dolore.

Oh, a volte mi ricordo sospirando
dell’antico dolore!
Amaro è il dolore, ma almeno
soffrire è vivere!

Gustavo Adolfo Bécquer


3 commenti:

  1. Autunnale ... perfetto quindi per questi giorni di pioggia, purtroppo.

    RispondiElimina
  2. Pessimismo poetico,una vita senza gioie e dolori,sempre uguale nella sua monotonia, non vale di essere vissuta.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.