lunedì 16 maggio 2016

Messico - Un viaggio lungo i confini


Articolo da GlobalProject

Per alcuni migranti centroamericani percorrere il cammino verso il sogno americano è diventato una questione di vita, tanto che alcuni, nel momento in cui sono deportati nel loro paese d’origine, la prima cosa che fanno è trovare un altro modo per fuggire. Se fino a qualche anno fa  erano per lo più uomini e ragazzi che decidevano di migrare, ora è in costante aumento anche il numero delle famiglie e delle donne sole. La maggior parte di loro proviene dal cosiddetto Triangolo Nord del Centro America: Guatemala, El Salvador e Honduras. Scappano da miseria e povertà, dalla mancanza di un lavoro che sia costante e libero dal pagamento delle imposte richieste dalle varie pandillas che popolano le strade del Centro America. Queste sono l’altra causa che alimenta il flusso migratorio. Nate tra le carceri degli Stati Uniti negli anni Novanta, si sono ben presto estese nelle loro città d’origine prendendone il controllo e dettando legge tra la popolazione. Sono due le principali pandillas: la Pandilla Barrio 18 (M-18) e la Mara Salvatrucha (MS-13).

La loro diffusione a livello capillare ha permesso loro di controllare il mercato della droga e delle armi, i cui introiti sono alimentati da estorsioni a piccoli commercianti, rapimenti e furti. Il loro numero e la loro forza non sembra diminuire. L’alto tasso di corruzione e impunità di questi paesi  garantisce loro di agire indisturbati, mentre il reclutamento, anche forzato, di giovani permette loro di avere sempre nuovi membri. La violenza generata tra lo scontro tra i marenos delle diverse pandillas ha reso gli stati del Centro America in guerra, con un tasso di morti cosi elevato da far concorrenza a paesi come Siria e Iraq. San Pedro Sula, in Honduras, è stata infatti per molti anni la città più violenta al mondo. Una guerra infame nella quale si può morire in modo banale e che rende le cose più comuni le più pericolose. Anche il solo entrare in una colonia che non sia la propria e che sia controllata da un’altra pandilla può essere mortale.

Da tutto questo scappano i migranti, esasperati dall’ennesima minaccia e dall’ennesima esecuzione a sangue freddo. Scappano ma purtroppo le loro sofferenze non sono affatto finite. Li aspetta lo sterminato territorio messicano e la frontiera più pericolosa al mondo, quella con gli Stati Uniti.

Una volta attraversato il Rio Suchiate che divide in modo naturale il Guatemala dal Messico, i migranti iniziano il loro cammino da indocumentados. Quasi tutti utilizzavano il mezzo di trasporto più economico, ovvero il treno merci, la Bestia, che nel giro di un paio di settimane, salvo deportazioni e sequestri lungo la rotta, li portava fino alla frontiera nord. Le cose però sono molto cambiate da quando è stato introdotto il Plan Frontera Sur il 7 luglio 2014. Presentato sulla carta come un piano di sviluppo della frontiera Sud e di maggior sicurezza per i migranti in transito in Messico, ha portato soprattutto maggiori controlli e repressione. Il progetto è stato, inoltre, caldamente supportato anche dagli Stati Uniti, interessati, più che alla sicurezza delle persone, a quella della loro frontiera. Nell’ultimo anno, quindi, si è verificato un dispiegamento di funzionari della migrazione e di polizia federale lungo la frontiera sud e lungo la rotta migratoria. Allo sviluppo di una delle zone più povere del paese si è risposto con la sua militarizzazione. Alla sicurezza prevista per i migranti si è risposto con la presenza di polizia privata sulla Bestia e maggiori operativi della migrazione lungo la via del treno. Tutto questo senza dare una concreta e valida alternativa ad un flusso che non si sta affatto arrestando. Se non possono salire sul treno perché ormai troppo pericoloso, la maggior parte dei migranti intraprende il suo cammino a piedi. Settimane di cammino in zone impervie, prive di acqua, nascondendosi agli occhi delle autorità. Non sempre però riescono a fuggire agli assalti e alle aggressioni. Sia che si tratti di federali o autorità locali, sia di criminali, i migranti vengono derubati di tutto ciò che hanno: i pochi soldi che portano con sé, i documenti, vestiti e scarpe, cellulari. Mentre le donne, molto spesso, vengono stuprate sul posto o tenute segregate per giorni dai loro aguzzini. Altre volte, invece, vengono sequestrati dagli Zetas, tenuti per giorni in qualche casa abbandonata mentre viene estorto denaro ai loro famigliari o mentre vengono costretti a lavorare per loro per un tempo indefinito.

Continua la lettura su GlobalProject


Fonte: GlobalProject


Autore: 
Camilla Camilli

Licenza: Creative Commons (non specificata la versione


Articolo tratto interamente da GlobalProject   


1 commento:

  1. Un tema scottante e che mi sta a cuore... c'è un film bellissimo che ti consiglio (s neon l'hai già visto) Bordertown che racconta la situazione delle donne messicane e una cantante , che adoro, Lila Down che canta i dolori e le gioie del Messico.. consigliata!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.