mercoledì 4 maggio 2016

Il voucher: il condono del lavoro nero


Articolo da Il Corsaro - l'altra informazione 

I dati relativi all’aumento vertiginoso dei buoni lavoro o voucher – l’Inps stima in circa 1,5 milioni i lavoratori coinvolti nel 2015 – ha riproposto al centro del dibattito pubblico il fenomeno del lavoro povero e precario. In origine, i voucher furono introdotti dalla Legge Biagi come strumento di regolazione del lavoro c.d. accessorio, attraverso l’individuazione di un elenco di prestazioni riconducibili, dai lavori di giardinaggio, di manutenzione sino al lavoro domestico.


La riforma Fornero prima e il Jobs Act dopo hanno esteso l’utilizzo dei voucher: la prima estendone l’utilizzo a tutti settori produttivi  e mantenendo come unico vincolo la soglia del compenso a  5.000 euro, il secondo allargando la stessa soglia delle prestazioni lavorative retribuite con buoni lavoro da 5.000 euro a 7.000 euro netti e abolendo il carattere discontinuo e occasionale della prestazione. Il combinato disposto dell’allargamento dei settori produttivi e del limite di retribuzione a voucher è all’origine del massiccio ricorso degli ultimi anni. In attesa di avere dall’Inps dati sulle attivazione dei voucher e sulla tipologia di percettori, a partire dalla storia contributiva e contrattuale per comprenderne la funzione svolta nel mercato del lavoro, è utile soffermarsi sulle parole spese dal governo sul fenomeno dei buoni lavoro. Il ministro Poletti - intervenendo sul tema qualche giorno fa – ha riconosciuto che l’aumento dei voucher è un tema preoccupante, limitandosi tuttavia a indicare nella tracciabilità dello strumento un deterrente utile a fermarne gli abusi. Il titolare del lavoro ha aggiunto che il voucher rappresenta un deterrente al lavoro nero, vera piaga del paese, costituendo quindi uno strumento funzionale al contrasto del sommerso. Un’impostazione che è stata ripresa ieri dal responsabile economico del Partito Democratico, Filippo Taddei, in un’intervista concessa al quotidiano La Repubblica.  La retorica della flessibilità, funzionale alle esigenze dell’impresa viene, quindi, sostituita con quella della lotta al lavoro nero. Un passaggio narrativo che non è stato sufficientemente analizzato nelle implicazioni profonde che assume sulla tenuta economica e sociale del paese. Attribuire allo strumento del voucher una funzione di deterrenza del lavoro irregolare e contestualmente allargarne il ricorso ad interi settori produttivi  rischia di indebolire ulteriormente quel patto sociale, che regola i rapporti tra i cittadini e le istituzioni dello stato. Se, infatti l’istituto del voucher viene legittimato come emersione del lavoro nero, si prefigura una vera e propria politica di condono del lavoro irregolare, esteso ad interi comparti dell’economia nazionale.

Continua la lettura su Il Corsaro - l'altra informazione


Fonte: Il Corsaro - l'altra informazione

Autore: Simone Fana



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.