mercoledì 25 maggio 2016

Firenze: si apre una voragine di 200 metri sul Lungarno Torrigiani


Stamattina, intorno alle 6.30, si è aperta una voragine di circa 200 metri di lunghezza sul Lungarno Torrigiani, a Firenze, nel tratto tra Ponte Vecchio e Ponte alle Grazie. Fortunatamente non ci sono vittime e feriti, ma una ventina di auto in sosta, sono sprofondate in pochi secondi.

Secondo le prime ricostruzioni del caso, il cedimento sarebbe stato provocato dalla rottura di un grosso tubo dell’acqua.

Due palazzi sono stati evacuati a scopo precauzionale e si segnalano molti disagi in città.

Vi mostro alcuni video della situazione.


 Video credit Driver caricato su YouReporter.it



 Video credit MARS24 caricato su YouReporter.it


6 commenti:

  1. ciao, ho visto le immagini alla tv....impressionante. Ciao.

    RispondiElimina
  2. Assurdo :O conosco bene quella zona. E dire che chi parcheggia lì dovrebbe ritenersi fortunato. Sei in pieno centro! E invece, puff, macchine nella voragine

    RispondiElimina
  3. Sicuramente, la causa di poco controllo delle grandi tubi che forniscono l'acqua, credo che l'Italia sia al primo posto in Europa per questo.
    Ciao e buona giornata, amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Immagino 2/3 d'Italia abbia gongolato, tanto è l'amore per la Toscana! Purtroppo la manutenzione e l'urbanistica negli ultimi decenni hanno preso una brutta piega anche da noi, le cattive abitudini in Italia hanno sempre la strada aperta... Dispiace per i cittadini che comunque la prendono sempre in tasca..

    RispondiElimina
  5. Cavoli, è una cosa tremenda, pensa se ci fosse stata gente.

    RispondiElimina
  6. Ho visto ieri sera, una roba sconvolgente.
    Tra poco ripartirà il rimpallarsi delle responsabilità e passeranno anni...
    Intanto l'Italia affonda.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.