sabato 16 aprile 2016

Domani referendum sulle trivellazioni petrolifere


Articolo da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

Venerdì 15 aprile 2016

Domenica 17 aprile si vota per il referendum sulle trivellazioni petrolifere. Il quesito sul quale il popolo italiano è chiamato a decidere riguarda la durata delle concessioni, che in Italia sono perenni, fino ad esaurimento del giacimento.

Si tratta di una questione economica, data dal fatto che la società estrattrice che riceve la concessione, deve pagare ogni anno allo Stato il 7% di royalty, ad esclusione delle prime 50 mila tonnellate di petrolio che sono esenti dal pagamento.

Grazie a questa franchigia, solo 18 su 69 concessioni in mare pagano le royalty e solo 22 su 133 a terra. Questo perché le aziende preferiscono estrarre lentamente dai pozzi giusto per non pagare.

Votando SI a questo referendum si obbligano le aziende petrolifere ad estrarre tutto il petrolio contenuto dal pozzo entro un tempo limite, superando quindi la soglia minima e facendo pagare le royalty allo Stato. Votando NO si lascia in vigore la legislazione attuale. Perché il risultato sia valido, deve esser raggiunto il quorum, cioè devono andare a votare almeno il 50% + 1 degli aventi diritto al voto.

È da ricordare che in Italia la tassazione delle ditte petrolifere è estremamente bassa, se confrontata per esempio alla tassazione del 80% sugli utili presente in Norvegia.


Il referendum è stato proposto dai consigli regionali di Veneto (LN), Liguria (FI), Marche (PD), Molise (PD), Puglia (PD), Campania (PD), Sardegna (PD), Basilicata (PD) e Calabria (PD).


Fonte: Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto 

Autori: vari

Licenza: Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution 2.5 Generic License.

Articolo tratto interamente da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto 



2 commenti:

  1. Caro Vincenzo, noi qui dall'estero abbiamo già votato 8 giorni fa per corrispondenza!!!
    Speriamo bene.
    Tomaso

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.