martedì 15 marzo 2016

Insegnante palestinese vince il premio mondiale per l’insegnamento


Articolo da Agenzia stampa Infopal

Betlemme-Ma’an. Domenica, un’ insegnante palestinese della Cisgiordania occupata ha vinto il Premio insegnante mondiale 2016 della Fondazione Varkey “per il suo lavoro di educazione dei bambini in Palestina”.
Hanan al-Hroub, del campo profughi di Dheisheh, governatorato di Betlemme, nel sud della Cisgiordania occupata è stata dichiarata vincitrice del concorso durante la cerimonia di premiazione a Dubai.
Circa 8.000 insegnanti provenienti da tutto il mondo hanno concorso al premio.
“Ogni giorno vediamo la sofferenza negli occhi dei nostri studenti e dei docenti causata dai check-point militari dell’ occupazione israeliana”, ha detto al-Hroub durante il suo discorso di accettazione.
“Gli insegnanti lavorano sodo per liberare le menti dei bambini dalla violenza e trasformarle in dialoghi di bellezza”, ha continuato.
Secondo la fondazione, al-Hroub ha iniziato a insegnare alle scuole elementari “dopo che i suoi bambini erano rimasti profondamente traumatizzati da un conflitto a fuoco a cui avevano assistito tornando a casa da scuola”.
E’ stata scelta come finalista al concorso per il suo metodo di insegnamento, che si concentra sulla non-violenza con l’”insegnamento attraverso il gioco” e intreccia consulenza per gli studenti alle prese con problemi di comportamento a causa della violenza che i bambini palestinesi subiscono dall'occupazione israeliana.

“Vogliamo che i nostri figli vivano in libertà e in pace, come i loro coetanei di tutto il mondo”, ha detto al-Hroub.

Continua la lettura su Agenzia stampa Infopal

Fonte: Agenzia stampa Infopal


Autore: 
Ma'an News Agency - traduzione a cura di Edy Meroli

Licenza: Copyleft 

Articolo tratto interamente da Agenzia stampa Infopal 



1 commento:

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.