venerdì 4 marzo 2016

Honduras, assassinata Berta Cáceres, l’ecologista che si batteva per l’ambiente e gli indigeni


Articolo da Salva le Foreste

La hanno uccisa in casa, mentre dormiva, ferendo il fratello. E’ l’ennesima vittima della spietata violenza contro gli attivisti indigeni che si battono per proteggere le terre ancestrali e i beni comuni, come fiumi, foreste e montagne, in tutta l’America Latina. Nel 2015 Berta aveva ricevuto il prestigioso premio Goldman, una sorta di Nobel alternativo.

Secondo quanto raccontato dal presidente del Comitato per la difesa dei diritti umani, Hugo Maldonado, due uomini hanno fatto irruzione nella casa di Caceres intorno all’una di notte  e l’hanno freddata a colpi di arma da fuoco.  L’esecuzione della esponente di punta dell’etnia Lenca - la più numerosa in Honduras - è stata condannata dal presidente Juan Orlando Hernandez, che per bocca del suo capo di gabinetto Jorge Alcerro, "ha ordinato alle forze di sicurezza di trovare con ogni mezzo i responsabili di questo crimine abominevole".


La polizia si è affrettata a spiegare che si trattata di una comune rapina, ma le associazioni di difesa dei diritti umani e dell’ambiente sono convinte che si tratti invece di un crimine annunciato: Berta Caceres aveva ricevuto numerose minacce di morte e la autorità le avevano promesso una scorta della polizia, che però evidentemente non era presente quando gli assassini si sono presentati a casa sua.

L’anno scorso Berta Cacere aveva guidato la mobilitazione ecologista contro il progetto della diga Agua Zarca. A suo parere lo sbarramento sul fiume Gualcarque - considerato sacro dai Lenca - poneva a rischio l’approvvigionamento di acqua, alimenti e medicine di centinaia di indigeni, ignorando il loro diritto a una gestione sostenibile del loro territorio. 

Continua la lettura su Salva le Foreste

Fonte: Salva le Foreste


Autore: redazione Salva le Foreste

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia.
 

Articolo tratto interamente da Salva le Foreste


1 commento:

  1. Notizie come questa meriterebbero maggior risalto sulla stampa nazionale e alla tv...se non leggevo questo post io non ne sapevo niente! Eppure la deforestazione è un argomento che riguarda tutti e lei difendeva i diritti delle popolazioni locali ma anche i nostri..

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.