mercoledì 10 febbraio 2016

La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Ungheria per violazione della libertà d’espressione



Articolo da East Journal

Il 2 febbraio la Corte europea dei diritti umani (organo del Consiglio d’Europa) ha condannato l’Ungheria per violazione della libertà d’espressione, ossia dell’articolo 10 della Convenzione europea sui diritti umani. Il ricorso contro il governo di Budapest era stato portato ai giudici di Strasburgo dalla Magyar Tartalomszolgáltatók Egyesülete (MTE) e da Index.hu Zrt (caso n. 22947/13).

La MTE, organo di auto-regolamentazione dei provider internet magiari, e il portale online di notizie Index.hu, erano stati considerati responsabili dalle corti ungheresi per i commenti volgari ed offensivi postati dai loro lettori online, a seguito della pubblicazione di un articolo che criticava le pratiche commerciali di due agenzie immobiliari online.


Secondo la Corte di Strasburgo i portali web hanno doveri e responsabilità, ma le corti ungheresi non hanno bilanciato in maniera appropriata il diritto alla libertà di espressione con il diritto dei siti immobiliari coinvolti al rispetto della reputazione commerciale. In particolare, le autorità ungheresi hanno accettato senza ulteriori verifiche che i commenti fossero illegali in quanto deleteri per la reputazione delle agenzie immobiliari.

Continua la lettura su East Journal
 

Fonte: East Journal


Autore: Davide Denti

 
Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia



Articolo tratto interamente da East Journal


2 commenti:

  1. L'Ungheria è un luogo bellissimo, peccato che ultimamente si sia macchiato di tante ingiustizie (be'..anche durante la seconda guerra mondiale, le terribili SS ungheresi..) quindi giusta condanna e speriamo serva a qualcosa.

    RispondiElimina
  2. Se dovessimo commentare nel vero senso della parola staremmo qui a discutere per ore mio caro amico...
    La libertà sembra una favola doverne ancora parlare in questi termini, doverne ancora discutere, questo diritto inderogabile che non ci può essere negato e invece anche" sordidamente" viene fatto..Che ipocrisie...Così va il mondo...
    Un abbraccio forte!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.