domenica 17 gennaio 2016

Aumentano i livelli di mercurio nei nostri mari




Articolo da TuttoGreen

Sapore di mare…al mercurio. Un fenomeno allarmante, che solo in minima parte è attribuibile a fenomeni naturali, come eruzioni ed erosioni delle rocce. Ma la quota maggiore di mercurio che si ritrova nelle acque è di origine industriale, derivante dal lavoro nelle miniere alla produzione di pile, dalla raffinazione del petrolio alla lavorazione del cemento. Non a caso il mare ha iniziato a diventare malato dalla rivoluzione industriale del 19mo secolo…

Uno studio pubblicato su Nature ha evidenziato come i livelli di mercurio nel mare, fino a profondità di cento metri, siano triplicati a partire dalla rivoluzione industriale. Il picco è stato registrato nelle acque più a nord dell’oceano Atlantico, dove c’è un flusso costante dalla superficie alle maggiori profondità. Complessivamente, negli oceani ci sarebbe una quantità compresa tra sessanta e ottantamila tonnellate di metallo.

Ma ancora più preoccupanti sono le stime future: gli aumenti riscontrati in un secolo e mezzo, potrebbero essere osservati entro il 2050, ossia l’inquinamento di quasi 150 anni in soli 40 anni! 

Quanto agli effetti del mercurio sui pesci, si ipotizza che tanto più grande sia la taglia del pesce e tanto maggiore è il suo contenuto in mercurio.

Una situazione che viene osservata con attenzione anche in Italia, dove nei primi sei mesi del 2014 ci sono stati sessanta sequestri di lotti di pesce contaminati oltre i valori consentiti: principalmente spada, tonno, smeriglio, verdesca, e palombo.


Continua la lettura su TuttoGreen

Fonte: TuttoGreen


Autore: 
Luca Scialò


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported


Articolo tratto interamente da TuttoGreen



3 commenti:

  1. Le conseguenze, arriveranno quando sarà troppo tardi!!!
    Ciao e buona domenica caro Vincenzo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. L'umanità si sta sempre più distruggendo con le proprie mani ...

    RispondiElimina
  3. Mi ripeterei, si finisce infatti col ripetere le stesse frasi. come se non ci fossero alternative alla stupidità...

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.