mercoledì 30 dicembre 2015

L'ultimo capodanno: recensione del film


L'ultimo capodanno è un film del 1998 diretto da Marco Risi.

Trama 

Il film narra le vicissitudini durante l'ultima notte dell'anno di una varia, grottesca e spesso brutta umanità: ci sono due ragazzi in cerca dello "sballo", tre ladri che tentano di svaligiare l'appartamento di un avvocato intento in pratiche sadomaso, una famigliola felice e apparentemente tranquilla, una moglie che scopre per caso il tradimento del marito con una sua amica, un'anziana contessa che organizza un veglione nel proprio appartamento con tanto di giovane gigolò, una donna che decide di togliersi la vita, ingerendo diverse pastiglie, perché non si rassegna all'assenza del marito, disperso in Cambogia da ormai dieci anni.

Filo conduttore è il luogo: un condominio romano, crocevia degli eventi.

Curiosità sul film

Il film è ambientato nel Comprensorio "Le Isole", situato sulla via Cassia a nord di Roma.

Questo film è tratto dal racconto "L'ultimo capodanno dell'umanità" di Niccolò Ammaniti.

La mia opinione

Un film grottesco, divertente e ricco di personaggi. Non passerà alla storia, ma sicuramente va premiato il coraggio di Dino Risi nel girare una commedia diversa dalle altre.

Voto: 6,5


Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


1 commento:

  1. Mai visto! Potrebbe essere carino, soprattutto perché ispirato al racconto di Ammaniti, contenuto nella raccolta Fango che mi è stata consigliata!
    Bel consiglio ^_^

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.