martedì 8 dicembre 2015

Dicembre di Vittoria Aganoor Pompilj


Dicembre

Qua e là per la campagna irti si drizzano
al cielo i rami delle piante esauste.
Piove; incombe sull’ampia solitudine
desolata, il silenzio.

Sulla deserta immensità dell’anima
talor mute così piovon le lagrime;
umane braccia così al ciel protendonsi
talora, emunte e supplici.

Vittoria Aganoor Pompilj 


2 commenti:

  1. Che bella questa poesia. E' una poetessa che non conosco.

    RispondiElimina
  2. Mi arricchisci con un autore che finora ignoravo :O

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.