mercoledì 7 ottobre 2015

Quanto inquinamento respiriamo?


Articolo da OggiScienza

APPROFONDIMENTO – Sono sempre scandali come quello recente della Volkswagen ad allarmare l’opinione pubblica sui rischi dell’inquinamento atmosferico dovuto alle automobili, quando in realtà questo problema è ben più grande, anche se se ne parla poco. In Italia (dati Istat relativi al 2012) abbiamo il secondo tasso di motorizzazione più alto d’Europa: 621 automobili ogni 1000 abitanti. Davanti a noi solo il Lussemburgo, mentre la media europea è 487 auto per 1000 abitanti.
Ovviamente il punto non è solo – come ci insegna il caso Volkswagen – quante auto possediamo, ma quanto queste inquinano, sia in termini di emissioni vere e proprie, che di usura di freni e pneumatici. Ebbene, secondo un report di Legambiente datato gennaio 2015, dal titolo evocativo “Mal’aria”, l’Italia è uno dei paesi dove la situazione è più critica a livello europeo, per quanto riguarda il PM10, il PM2,5 e l’ozono, come si evince dai dati dell’ultimo “Rapporto sulla Qualità dell’aria 2014” pubblicato dall’Agenzia Europea per l’Ambiente.

E pare che siamo anche recidivi. Forse non tutti sanno che a causa degli altissimi livelli di inquinamento atmosferico l’Italia è stata al centro di una procedura d’infrazione a causa della “cattiva applicazione della direttiva 2008/50/CE”. Ben 19 zone italiane, da nord a sud della penisola, hanno registrato importanti violazione dei limiti imposti dall’Europa. Non è la prima volta che succede: già nel 2012 eravamo stati condannati a una sanzione relativa al periodo 2006-2007, per superamenti dei limiti in ben 55 zone italiane. Come riporta Legambiente, il dato più scoraggiante è che in 13 di queste 55 aree sono stati registrati superamenti per quanto riguarda il PM10 anche nei 4 anni successivi, dal 2008 al 2012.

Per il PM10 il limite fissato dall’Europa con in DL 15/2010 è di 50 microgrammi per metro cubo, da non superare più di 35 volte nel corso di un anno. Per quanto riguarda il PM2.5 invece il limite è di 25 microgrammi per metro cubo, una soglia fissata con la Direttiva Europea 2008/50/CE. Ebbene, nel 2014 ben 33 capoluoghi di provincia hanno superato le 35 giornate fissate come limite per quanto riguarda il PM10. A Frosinone maglia nera: con ben 110 superamenti.


Continua la lettura su OggiScienza


Fonte: OggiScienza


Autore: Cristina Da Rold

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 2.5 Italia.


Articolo tratto interamente da OggiScienza


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.