mercoledì 9 settembre 2015

Mentre andavo di Johann Wolfgang Goethe



Mentre andavo

Andavo per i campi
così, per conto mio,
e non cercare niente
era quello che volevo.

E lì c'era un fiorellino,
subito lì, vicino,
che nella vita mai
ne vidi uno più bello.

Volevo coglierlo,
ma il fiore mi disse:
possiedo radici,
e sono ben nascoste.

Giù nel profondo
sono interrato;
per questo i miei fiori
son belli tondi.

Non so amoreggiare,
non so adulare;
non cogliermi devi,
ma trapiantare.

Johann Wolfgang Goethe

5 commenti:

  1. Bella proposta...non conoscevo questa poesia di Goethe..grazie. Buona giornata a te, Stefania

    RispondiElimina
  2. Io ho da poco finito di leggere la leggenda del santo bevitore di Roth e ho fatto perfino un post sul suo libro.

    RispondiElimina
  3. Una poesia dolce che denota una grande sensibilità oltre che rispondente ad un profondo rispetto della natura.

    RispondiElimina
  4. Nemmeno io conoscevo questa poesia di Goethe ..... davvero bella proposta - grazie per averla pubblicata - così ora la conosco anche io la trovo piena di sensibilità e di rispetto per la natura. Molto bella
    Un saluto, buon pomeriggio, migliore fine settimana in arrivo ed ottimo mese di settembre in corso !
    A presto

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.