martedì 22 settembre 2015

Commenti liberi sulla libertà di pensiero


 
Molti politici parlano sempre di libertà di pensiero, ma nei fatti esiste una certa repressione delle parole soprattutto verso chi dissente i poteri forti e le notizie scomode.

Ora chiedo a tutti voi e aspetto una vostra risposta, siamo veramente liberi d'esprimere il nostro pensiero?



Tratto da Wikipedia:

La Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo afferma all'articolo 18: «Ogni individuo ha il diritto alla libertà di pensiero, coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo...»


La Costituzione della Repubblica Italiana, all'articolo 21, recita: «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.»

La Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (firmata a Roma il 4 novembre 1950) recita all'art. 9: "1. Ogni persona ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione: tale diritto include la libertà di cambiare di religione o di credo e la libertà di manifestare individualmente o collettivamente, sia in pubblico che in privato, mediante il culto, l'insegnamento, le pratiche e l'osservanza dei riti. 2. La libertà di manifestare la propria religione o il proprio credo può essere oggetto di quelle sole restrizioni che, stabilite per legge, costituiscono misure necessarie in una società democratica, per la protezione dell'ordine pubblico, della salute o della morale pubblica, o per la protezione dei diritti e della libertà altrui".

La Costituzione della Comunità europea recita all'articolo II-70:

«1. Ogni persona ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione. Tale diritto include la libertà di cambiare religione o convinzione, così come la libertà di manifestare la propria religione o la propria convinzione individualmente o collettivamente, in pubblico o in privato, mediante il culto, l'insegnamento, le pratiche e l'osservanza dei riti. 2. Il diritto all'obiezione di coscienza è riconosciuto secondo le leggi nazionali che ne disciplinano l'esercizio.»

Vi chiedo di far girare questo post e invitare i vostri amici a rispondere.

7 commenti:

  1. La libertà di pensiero almeno fino a quando le tecnologie non ce la toglieranno, la libertà d'espressione no.

    RispondiElimina
  2. Libertà di pensiero???? In Italia? nell'UE e negli Stati Uniti????? I leader de mondo occidentale non sanno minimamente cosa sia la libertà. Anche io ti invito a leggere il mio ultimo post e ha commentarlo. Sono i paesi dove sono stato.

    RispondiElimina
  3. no, non lo siamo, basta guardare alla vicenda giudiziaria di Erri De Luca, ma anche ad esternazioni diverse dal pensiero unico, tipo quelle di Barnad, che viene tacciato di essere un " visionario"( e con questo non dico che condivido tutto il suo pensiero) certamente non ci troviamo la polizia alla porta se scriviamo in maniera dissidente o esponiamo idee diverse nel nostro campo lavorativo, come succede invece in altri paesi, ma ritengo che il prossimo futuro non sarà altrettanto roseo.
    ciao Cavaliere

    RispondiElimina
  4. Io solitamente dico ciò che penso senza problemi, nel pieno rispetto della persona che ho di fronte, ma senza mentire alle medesima e comunque se voglio contraddire una loro idea, se messa in discussione in un discorso, non mi tiro indietro. Io mi sento abbastanza libero, devo ammetterlo.

    Ispy

    RispondiElimina
  5. @ x tutti

    Grazie a tutti per la vostra opinione.

    RispondiElimina
  6. La libertà d'espressione esiste in teoria e non in pratica, in certi ambienti si e in certi ambienti no.
    A presto .. Dream Teller

    RispondiElimina
  7. Non ci sono garanzie per tutti, in riferimento alla libertà di pensiero, per moltissimi motivi. Dall'appartenere a determinate corporazioni, a questioni economiche, all'appartenenza religiosa, e via così. E penso che, generalmente, ci si senta più liberi di quanto lo si sia effettivamente.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.