domenica 23 agosto 2015

In memoria di Sacco e Vanzetti




Ferdinando Nicola Sacco (Torremaggiore, 22 aprile 1891 – Charlestown, 23 agosto 1927) e Bartolomeo Vanzetti (Villafalletto, 11 giugno 1888 – Charlestown, 23 agosto 1927).
Giustiziati innocentemente sulla sedia elettrica negli Stati Uniti il 23 agosto 1927.
 

"Io non augurerei a un cane o a un serpente, alla più bassa e disgraziata creatura della Terra — non augurerei a nessuna di queste ciò che ho dovuto soffrire per cose di cui non sono colpevole. Ma la mia convinzione è che ho sofferto per cose di cui sono colpevole. Sto soffrendo perché sono un radicale, e davvero io sono un radicale; ho sofferto perché ero un Italiano, e davvero io sono un Italiano."


Tratto dal discorso di Vanzetti del 19 aprile 1927, a Dedham, Massachusetts


3 commenti:

  1. Ciao Vincenzo!
    Che dire? Come cantò Joan Baez
    https://www.youtube.com/watch?v=7oday_Fc-Gc

    Questo è per voi, Nicola e Bart
    riposate per sempre nei nostri cuori
    Il momento ultimo e finale è vostro
    quell'agonia è il vostro trionfo

    Onore!

    RispondiElimina
  2. Mi spiace per la mia lunga assenza dovuta a diversi motivi. Finalmente sono riuscita a tornare con l'idea di continuare.
    Sono parole che commuovono e lasciano il segno.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.