venerdì 7 agosto 2015

Cecil il leone, un simbolo della stupidità umana

https://www.flickr.com/photos/daughter3986851963/4516560206/in/photostream/


Articolo da Voci Globali

Cecil era un bel leone in carne ed ossa. Ora Cecil è un simbolo. È il simbolo di alcuni fondamentali aspetti della nostra esistenza. Della stupidità umana, prima di tutto. Della sovrana arroganza dell’essere umano. È il simbolo dell’avidità del possesso. Ed è il simbolo di una scomparsa lenta e costante. La scomparsa di un felino così maestoso e potente dalla faccia della terra. Si dice estinzione, si legge stupidità umana.

Lo scorso anno uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Plus One, informava che gli esemplari di leone, solo nell’Africa occidentale, erano ormai ridotti a 250 adulti e 150 piccoli. In tutta l’Africa – ma sono dati del 2012 – ne sarebbero rimasti 32.000. Non si può giocare di ottimismo e pensare che la situazione sia migliorata. Nel frattempo è arrivato in Zimbabwe il dentista cacciatore e ha deciso che Cecil doveva essere suo.

Di stupidaggini sui media e sui social se ne sono lette tante. Per esempio che il Governo del Paese africano abbia messo in piedi tanta propaganda sui giornali solo perché in realtà il cacciatore non avrebbe pagato la quota prevista. In realtà, il dentista ha pagato una guida compiacente per far uscire il leone dai confini del Parco. E, in realtà, Cecil era uno degli esemplari protetti e controllati da uno studio in corso da parte della Oxford University per stabilire l’impatto della caccia nel Hwange National Park. Cosa si è scoperto finora? Che su 62 leoni monitorati 34 sono morti, di questi 24 uccisi da cacciatori. Per sua sfortuna il dentista si è accorto solo dopo aver ucciso e decapitato Cecil del collare attraverso cui gli scienziati monitoravano il leone.

Un’altra sciocchezza letta sui social è: perché la gente si commuove e mobilita così tanto per un leone o per un orso e non è sufficientemente sensibile alle vittime di guerre e conflitti, per esempio? Forse perché il mondo animale non cerca la guerra, non la conosce, non provoca. Forse perché il mondo animale subisce le conseguenze della deforestazione, dell’urbanizzazione, della presunta potenza e prepotenza dell’uomo. Un animale crea più empatia (in molti, non in tutti) perché è indifeso. È indifeso anche quando ha unghie e denti affilati, anche quando è il re della foresta. È indifeso contro l’uomo.

Continua la lettura su Voci Globali

Fonte: Voci Globali


Autore:


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale.


Articolo tratto interamente da Voci Globali

Photo credit Daughter#3 caricata su Flickr - licenza foto: Creative Commons

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.