giovedì 18 giugno 2015

Jobs Act: via libera alla possibilità di spiare i dipendenti tramite pc, tablet e smartphone


Articolo da Radio Città Fujiko 

Le aziende potranno controllare computer, tablet e cellulari, così come i badge dei lavoratori senza che sia necessario un accordo sindacale o un’autorizzazione del ministero. Per il controllo sugli «strumenti» di lavoro aziendale basterà informare i lavoratori. Cambia così, con un altro dei decreti attuativi del Jobs act, la disciplina dei controlli a distanza, che riscrive lo Statuto dei lavoratori. Dura la reazione dei sindacati
Un altro colpo basso per lo Statuto dei lavoratori. Con un decreto attuativo del Jobs act, viene riscritta la disciplina del controllo a distanza, prevista dall'articolo 4 dello Statuto dei lavoratori del 1970.

Con il Jobs Act, le aziende sono autorizzate a effettuare controlli a distanza sui propri dipendenti attraverso impianti audiovisivi senza richiedere un preventivo accordo con il sindacato di competenza. L'unica "accortezza" del datore di lavoro è informare i dipendenti che gli strumenti assegnati sono controllati. Ai nostri microfoni, Giorgio Airaudo, deputato Sel ed ex segretario nazionale Fiom, esprime la sua preoccupazione: "Il fatto che lo possano fare, già di per se, è sbagliato. È normale che un lavoratore riceva, sul  telefonino aziendale, una chiamata familiare o privata". Il datore di lavoro, con il potenziamento di nuovi software, può controllare il tempo di attività dei computer, "può osservare una persona: quante volte si sposta, dove va e cosa fa".

Le regole sono "leggermente" diverse per l'installazione di impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo: in questi casi serve l'accordo sindacale. Se le imprese contano più unità dislocate in diverse regioni, l'autorizzazione spetta al Ministro del lavoro. Il controllo delle attività dei lavoratori possono essere impiegati per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale. Ma è chiaro che da qui al controllo della vita privata del lavoratore, il passo è breve.

Continua la lettura su Radio Città Fujiko


Intervento audio su Radio Città Fujiko 


Fonte: Radio Città Fujiko


Autore: redazione Radio Città Fujiko


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.



Articolo tratto interamente da Radio Città Fujiko


3 commenti:

  1. fa inorridire.
    se poi si considera, la disparità di trattamento tra un lavoratore pubblico o privato che sia ed un docente, per cui nelle aule non possono/devono esserci
    telecamere e/o controlli, e poi succedono quelle cose terrificanti a bambini indifesi e, quello che si sa, solo dopo una denuncia circostanziata, produce il Controllo video dei carabinieri...
    in ogni caso trovo la cosa aberrante e fuori da ogni logica democratica

    RispondiElimina
  2. Come ho già citato riscrivo con qualche sfumatura. Se il paradiso può attendere, l'inferno è qui globalizzato.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.