lunedì 22 giugno 2015

È morta l’attrice Laura Antonelli



Questa mattina alle 8.30 Laura Antonelli è stata trovata morta nella sua abitazione a Ladispoli, al momento non si conoscono ancora le cause del suo decesso. Ripercorriamo la sua carriera con una biografia tratta da Wikipedia.

Articolo da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Laura Antonelli, vero nome Laura Antonaz (Pola, 28 novembre 1941 – Ladispoli, 22 giugno 2015), è stata un'attrice italiana. Ha raggiunto l'apice della popolarità negli anni settanta e ottanta, lavorando dapprima in pellicole erotiche e poi in film d'autore.

Laura Antonelli nasce il 28 novembre 1941 a Pola, città dell'Istria, attualmente in Croazia all'epoca in Italia, in una famiglia istriana, muore a Roma il 21 Giugno 2015. Insieme alla quasi coetanea Femi Benussi e alle più anziane Alida Valli e Sylva Koscina fa infatti parte delle "bellissime quattro" dalmato-istriane. Da bambina con la sua famiglia è profuga durante l'esodo istriano. Compie gli studi superiori a Napoli, presso il Liceo Scientifico "Vincenzo Cuoco", e in seguito si diploma presso il locale I.S.P.E.F (Istituto Superiore Pareggiato di Educazione Fisica).

Trasferitasi a Roma con la propria famiglia, per un breve arco di tempo svolge l'attività d'insegnante di Educazione fisica presso il Liceo artistico sito in Via di Ripetta. Dopo aver girato alcuni Caroselli per la Coca Cola ed interpretato numerosissimi fotoromanzi, diffusi anche all'estero, esordisce nel cinema interpretando piccoli ruoli in vari film, a cominciare da Il magnifico cornuto di Antonio Pietrangeli del 1964 e Le sedicenni di Luigi Petrini del 1965.

La sua prima parte importante le viene offerta, nel 1969, dal regista Massimo Dallamano che la sceglie come protagonista del film Venere in pelliccia, ispirato al romanzo di Leopold von Sacher-Masoch. Ma l'occasione sfuma a causa della feroce censura del tempo, che blocca l'uscita del film, il quale sarà riproposto sei anni più tardi con il titolo Le malizie di Venere. Nel 1971 raggiunge una certa notorietà, recitando nel film Il merlo maschio, interpretato al fianco di Lando Buzzanca e diretto da Pasquale Festa Campanile.

Continua la lettura su Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Questo articolo è pubblicato nei termini della
GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera. 

5 commenti:

  1. mi dispiace... e soprattutto mi dispiace come ha vissuto questi ultimi anni

    RispondiElimina
  2. Una storia molto triste, dopo un inizio folgorante il destino le ha riservato dei dolori nella sua vita intendo non dolori fisici.
    Ciao e buona settimana caro Vincenzo.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ai suoi tempi bellissima donna. Che peccato che poi la vita l'abbia travolta con le note disavventure giudiziarie e personali, funestando l'ultima parte della sua esistenza. R.I.P.

    RispondiElimina
  4. Mi aspettavo ripronessero in tv qualcuno dei films interpretati...ricordo la bellissima interpretazione ne L'INNOCENTE. Una raffinata, bella e sfortunata donna...

    RispondiElimina
  5. E' stata una vita che ha avuto alti e bassi - oiù alti e più bassi nella norma la sua. Mi dispiace che sia morta da sola
    Però ha avuto ugualmente degli anni d'oro che la maggior parte della gente non può nemmeno immaginarsi. Certo li ha pagati a caro prezzo più tardi
    Buona serata Vincenzo e migliore settimana

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.