venerdì 19 giugno 2015

Domani manifestazione internazionale per dire STOP alle trivelle in Adriatico

Articolo da Omissis
 
Sarà una manifestazione internazionale che coinvolge tutti i paesi che affacciano sull’Adriatico, quella che si svolgerà sabato 20 giugno. In concomitanza con la partenza della Goletta Verde, campagna annuale di Legambiente per la tutela del mare, Legambiente ha lanciato questa mobilitazione generale contro le trivellazioni nell’Adriatico.
Organizzata con associazioni di tutta Europa, #stopseadrilling ha raccolto l’adesione di una sessantina di realtà italiane, impegnate nella lotta alle trivellazioni petrolifere, ma anche di associazioni e comitati presenti lungo tutta la costa adriatica, a partire dagli ambientalisti sloveni e croati che si riuniranno in assemblea a Rovigno (Croazia) da dove partirà la Goletta Verde.
 
#stopseadrilling è una mobilitazione generale che in ciascuna città vivrà la propria protesta: Trieste, Rosolina, Venezia, Jesolo, Ravenna, Ancona, Pescara e Polignano a Mare, a Rovigno in Croazia, ma anche a Vlore (Albania), Bar (Montenegro), Neum (Bosnia Erzegovina).
 
Greenpeace e gli ambientalisti croati di  Sos Za Jadran (Sos Adriatico) hanno emanato nei giorni scorsi un comunicato congiunto in cui mettono sotto accusa il governo croato: “Il governo di Zagabria continua a ignorare gli appelli che arrivano da cittadinanza, turisti, personalità pubbliche, esperti e scienziati che chiedono la sospensione del piano per lo sfruttamento intensivo delle riserve offshore di idrocarburi, cominciando con il non firmare i contratti con le compagnie concessionarie dei vari 'lotti' di estrazione. Greenpeace e la coalizione 'SOS for Adriatic' chiedono un referendum affinché i croati possano esprimersi: oltre all'integrità dei mari e delle coste, è in gioco la principale fonte di reddito del Paese, il turismo balneare, che potrebbe subire danni irreparabili dalle trivellazioni in quelle acque. I sondaggi mostrano già oggi come la maggior parte dei cittadini croati sia contraria ai progetti del governo”.
 
Continua la lettura su Omissis

Fonte: Omissis


Autore: redazione Omissis

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Articolo tratto interamente da Omissis
 
 
 

1 commento:

  1. Mare "mortum" sempre di più il Nostrum: scarichi selvaggi, rifiuti tossici... si riuscisse almeno a fare qualcosa per le trivellazioni. Che la forza sia con loro;

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.