domenica 10 maggio 2015

Maternità di Rabindranath Tagore



Maternità

Da dove sono venuto? Dove mi hai trovato?
Domandò il bambino a sua madre.
Ed ella pianse e rise allo stesso tempo e stringendolo al petto gli rispose:
tu eri nascosto nel mio cuore bambino mio,
tu eri il Suo desiderio.
Tu eri nelle bambole della mia infanzia,
in tutte le mie speranze,
in tutti i miei amori, nella mia vita,
nella vita di mia madre,
tu hai vissuto.
Lo Spirito immortale che presiede nella nostra casa
ti ha cullato nel Suo seno in ogni tempo,
e mentre contemplo il tuo viso, l’onda del mistero mi sommerge
perché tu che appartieni a tutti,
tu mi sei stato donato.
E per paura che tu fugga via
ti tengo stretto nel mio cuore.
Quale magia ha dunque affidato il tesoro
del mondo nelle mie esili braccia?

Rabindranath Tagore

4 commenti:

  1. Grazie caro Vincenzo, di aver condiviso questa stupenda poesia, 8maternità)

    RispondiElimina
  2. Bella ed appropriata alla festa della mamma questa poesia di Rabindranath Tagore.
    Buona domenica a te e felice festa della mamma a tutte le mamme del mondo
    enrico

    RispondiElimina
  3. Ciao CODW,
    versi che interpretano la materrnità in modo dolce e sublime!
    Fata C

    RispondiElimina
  4. Delicatissimi versi:Grazie per averli scelti e condivisi.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.