venerdì 15 maggio 2015

I palestinesi ricordano il 67° anniversario dalla Nakba a Ramallah

 
Articolo da Agenzia stampa Infopal

Ramallah-Ma’an. Migliaia di Palestinesi hanno commemorato, mercoledì, il 67° anniversario dalla Nakba chiedendo nuovamente di ritornare nelle loro città, villaggi e terre che furono costretti ad abbandonare nel 1948.

Durante un festival a Ramallah, gruppi di persone sono partite dalla tomba di Yasser Arafat andando verso l’omonima piazza sventolando bandiere palestinesi, bandiere nere e cartelli e leggendo i nomi delle città e dei villaggi palestinesi distrutti.

Il corteo era guidato da un gruppo musicale di militari.

Il governatore di Ramallah e del distretto di al-Bieh, Laila Ghannam, ha affermato in un discorso, a nome del presidente, che Gerusalemme deve tornare alla sua gente nonostante i piani di Israele per “giudaizzarla”.

Ghannam ha aggiunto che il popolo palestinese porta con sé ancora le chiavi delle case dalle quali fu cacciato nonostante siano già passati 67 anni.

Un membro del comitato esecutivo dell’OLP, Zakariya al-Agha, ha detto che la Nakba ha portato ad una realtà di sofferenza che è tuttora in corso.

Al-Agha ha inoltre detto che nonostante siano passati 67 anni la gente palestinese non dimentica e che ha il diritto storico e legale di ritornare nelle proprie case dalle quali è stata sfollata nel 1948.

Ha messo in guardia sul fatto che il piano israeliano di dichiararsi stato ebraico minaccia 1,5 milioni di Palestinesi che vivono nel paese e minaccia il ritorno di 5 milioni di rifugiati che furono mandati via da queste terre nel 1948.

Al-Agha ha aggiunto che “vista la continuazione dell’occupazione in tutte le sue forme contro i Palestinesi, visto l’aumento degli insediamenti e il rifiuto del governo israeliano di obbedire alla volontà internazionale, noi sollecitiamo la decisione dell’OLP di bloccare tutte le forme di negoziazione fino a quando gli insediamenti non vengano fermati, una consultazione in un processo internazionale di pace, la previsione di un scadenza che porti alla fine dell’occupazione e la liberazione dei prigionieri”.

Continua la lettura su Agenzia stampa Infopal

Fonte: Agenzia stampa Infopal


Autore: redazione Agenzia stampa Infopal - traduzione di Aisha Tiziana Bravi

Licenza: Copyleft

Articolo tratto interamente da Agenzia stampa Infopal



Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.