venerdì 1 maggio 2015

Festa dei lavoratori?


Articolo da Informare è un dovere

Per milioni di persone, i disoccupati, quella del primo maggio è una giornata come le altre. Non c'è niente da festeggiare. Purtroppo, da diversi anni a questa parte, la festa dei lavoratori non coincide affatto con la festa del lavoro. Lavoro a tempo determinato, lavoro nero, lavoro part time. Lavoro e basta non se ne trova. C’è sempre un aggettivo appresso. E sono quegli aggettivi a modificare il senso del lavoro, la sua prospettiva futura, la sua sicurezza, il suo status. Il precariato ha diminuito sia i disoccupati che gli occupati a tempo indeterminato. Risultato, l’insicurezza. Quella sociale, però. Perché poi c’è anche l’insicurezza materiale, fisica, nel mondo del lavoro. Le morti bianche le chiamano. Anche qui un aggettivo a caratterizzare la morte. Bianca perché è innocente. Non si può morire sul lavoro!

L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro (art.1 Cost.)

IL SIGNIFICATO DI QUESTA FESTA

Il primo maggio è la festa dei lavoratori o festa del lavoro. E’ una festività che annualmente viene celebrata per ricordare l'impegno del movimento sindacale ed i traguardi raggiunti in campo economico e sociale dai lavoratori. L'origine della festa viene fatta risalire ad una manifestazione organizzata negli Stati Uniti dai Cavalieri del lavoro a New York il 5 settembre 1882. Due anni dopo, nel 1884, in un'analoga manifestazione i Cavalieri del lavoro approvarono una risoluzione affinché l'evento avesse una cadenza annuale. Altre organizzazioni sindacali affiliate alla Internazionale dei lavoratori - vicine ai movimenti socialista ed anarchico - suggerirono come data della festività il Primo maggio.

Continua la lettura su Informare è un dovere


Fonte: Informare è un dovere

Autore: Andrea De Luca
 
Licenza: Copyleft
 
Articolo tratto interamente da Informare è un dovere

Quest’articolo è stato condiviso e segnalato dal suo autore. Se vuoi pubblicare i tuoi post in questo blog, clicca qui.
 
 

2 commenti:

  1. È giusto che io dica la mia...
    Questo problema sul lavoro, c'è sempre stato...
    Per anni ho combattuto con l'indifferenza della gente...ora un lavoro ce l'ho, però è stato molto difficile.
    Perdere la fiducia nel sistema è più che ovvio...cosa si può fare per cambiare?
    Non arrendersi mai...nonostante tutto!
    E fare in modo che le regole non ci schiacciano...
    Auguri a tutti i giovani in cerca di un lavoro!!!

    RispondiElimina
  2. C' è sempre stato ma alla fine un lavoro lo trovavi . Oggi non trovi proprio un bel nulla

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.