lunedì 20 aprile 2015

Oltre 700 vittime nel Canale di Sicilia

lampedusa

Articolo da Progetto Melting Pot Europa 

Un peschereccio proveniente dall’Egitto con a bordo circa 700 migranti si è capovolto nella notte tra sabato e domenica nel Canale di Sicilia, a circa 60 miglia a nord della Libia. Un mercantile dirottato nella zona ha recuperato solo 28 superstiti, per cui si teme che il bilancio del naufragio all’incirca di 700 vittime. I cadaveri recuperati finora sono 24. «Si stanno cercando letteralmente le persone superstiti tra i cadaveri che galleggiano in acqua» testimonia il premier maltese, Joseph Muscat. Intanto l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati parla di «un’ecatombe senza precedenti».
L’appello scritto prima della tragedia di Lampedusa del 3 ottobre 2013 e ripreso subito dopo, resta tragicamente oggi ancora valido, in quanto - ora più che mai - vi è la necessità di :
  • aprire dei percorsi autorizzati e sicuri di ingresso per chi fugge dalle persecuzioni
  • una degna accoglienza a partire dal riconoscimento del titolo di soggiorno oltre che di percorsi di inserimento nel territorio
  • un’immediata apertura dei confini interni all’Europa che privano migliaia di persone del diritto di scegliere dove arrivare.
Il canale umanitario è l’unica risposta degna che si può dare a questo immane dramma, il fatto di denunciarlo a gran voce da anni non rende meno dolorosa la morte di tanti uomini e donne. E’ una strage talmente dolorosa da diventare insopportabile, perché è evidente che anche in questo caso , come in tanti altri, si sarebbe potuta evitare.
I 700 morti di questa notte si vanno ad aggiungere ai 950 dei primi mesi del 2015 (dati ufficiali ma sicuramente superiori) e qui non si elencano numeri, ma si parla di ragazzi, donne e bambini il cui loro ultimo respiro è stato soffocato dall’acqua del Mar Mediterraneo. Sognavano una vita migliore, ma l’Europa invece di allungare la mano ha girato ancora una volta le spalle.

Continua la lettura su Progetto Melting Pot Europa


Fonte: Progetto Melting Pot Europa

Autore: redazione Progetto Melting Pot Europa


Licenza: Creative Commons (non specificata la versione)


Articolo tratto interamente da Progetto Melting Pot Europa

Photo credit Noborder Network caricata su Flickr - licenza foto: Creative Commons


4 commenti:

  1. E l'unione europea continia a voltare la testa dall'altra parte, tanto che gliene frega.
    Gode lo sciacallo salvini e io seguono i suoi pari.
    Farabutti.

    RispondiElimina
  2. Sono letteralmente sconvolta...
    Ho sentito che vogliono bloccare le entrate anche da noi...ma sarà giusto?
    Ciao Giuseppe.

    RispondiElimina
  3. troppa indifferenza da parte di tutti

    RispondiElimina
  4. Un orrore senza fine... Mi sento e sono impotente...

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.