giovedì 26 febbraio 2015

Malattie ambientali: cosa sono


Articolo da AMISnet

Luisa da dieci anni è affetta da elettrosensibilità e sensibilità chimica multipla. Dopo un periodo di esposizione a campi elettromagnetici o a sostanze chimiche di vario genere non dorme per notti intere e soffre di forti dolori. Secondo l’associazione Amica sono circa cinquantamila le persone in Italia che soffrono di queste patologie, e intanto la ricerca scientifica si sta lentamente muovendo.
Tutto ha avuto inizio dieci anni fa, quando Luisa ha cominciato a soffrire di problemi all’apparato digerente, spossatezza e forte dimagrimento. Accertamenti di ogni genere non avevano fatto emergere la patologia di cui era affetta, sin quando Luisa non ha notato che la sua condizione si aggravava a seguito di una chiamata al telefonino o di una passeggiata in luoghi con una massiccia presenza di campi elettromagnetici. E’stato a Roma che Luisa è riuscita a decifrare la sua patologia: elettrosensibilità, a cui si è aggiunta una sensibilità chimica multipla. L’unica soluzione è stata quella di allontanarsi dalla città, dove conduceva una vita ricca di rapporti sociali, per trasferirsi in un luogo pulito da campi elettromagnetici e sostanze chimiche. Di queste malattie ancora si sa poco, soprattutto in Italia, ma l’associazione capitolina Amica sta cercando ormai da anni di divulgare conoscenza e informare sulle ricerche scientifiche esistenti.

Continua la lettura su AMISnet

Intervento audio su AMISnet

Fonte: AMISnet


Autore: redazione AMISnet


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported

 

Articolo tratto interamente da AMISnet

4 commenti:

  1. Caro Vincenzo la sai che ne avevo sentito parlare ancora di questa strana malattia, purtroppo la tecnologia ci da tante comodità ma vengono pagate sempre a caro prezzo. Ciao e buona giornata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ci sono troppe malattie che sono causate dall'inquinamento, dalle polveri sottili, da tutto quello che di nocivo la civiltà ha portato con sè.
    È chiaro che non si potrà mai avere una Terra sana e pulita al 100% però bisogna cercare di informare le persone e mettere in atto reali politiche per migliorare l'ambiente ed evitare che malattie come queste continuino a crescere.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ne avevo sentito parlare... spero che presto ci siano chiare risposte in merito.

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
  4. ho condiviso con piacere questo post, informazione è unica cosa che aiuta le persone a sapere e conoscere questo problema

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.