lunedì 19 gennaio 2015

Balla coi lupi: recensione del film


Balla coi lupi (Dances with Wolves) è un film del 1990 diretto, prodotto e interpretato da Kevin Costner.

Trama

Balla coi lupi, ambientato nel 1863, durante la guerra di secessione, narra la storia di un ufficiale dell'Esercito Unionista, il tenente John Dunbar, di stanza in Tennessee. Egli, che non desidera fare più il suo dovere, dopo un tentativo di suicidio scambiato per un atto d'eroismo, viene mitizzato e gli viene concessa la possibilità di scegliere il luogo in cui curarsi dalla ferita e operare contro i soldati rivali: il tenente chiede di essere inviato in un lontano presidio di frontiera, ai margini delle praterie del Nebraska.
Arrivato a Fort Hayes, in Ohio, Dunbar viene spedito dal folle comandante del presidio, il maggiore Fambrouogh, nell'avamposto più remoto di tutti, chiamato Fort Sedgewick. Accompagnato dal rozzo mulattiere Timmons raggiunge la base, ma la trova ormai abbandonata. Dopo aver scaricato i viveri dal carro, Timmons ritorna a Fort Hayes, mentre Dunbar vi si stabilisce. Il suicidio del maggiore Fambrouogh, commesso appena dopo la partenza di Dunbar, e l'assassinio di Timmons ad opera di un gruppo di nativi Pawnee, sulla via del ritorno per Fort Hayes, determinano il successivo oblio di Fort Sedgewick dal resto dell'Esercito. Il primo mese John passa tra i lavori per ripristinare l'operatività dell'avamposto, con la sola compagnia del cavallo Cisco, di un lupo che lo osserva dalle praterie (da lui chiamato Due Calzini, per le zampe bianche) e del suo diario, nel quale annota tutto quello che vede e che gli succede.
L'incontro con la vicina tribù di indiani Sioux, in lotta con la confinante tribù dei Pawnee (spie dei bianchi), porterà un senso nuovo alla sua vita. La crescente stima e il rispetto verso questo popolo nomade e, non ultimo, l'amore e il matrimonio con Alzata Con Pugno, una donna bianca adottata dalla tribù quando era una bambina (i genitori furono uccisi dai Pawnee, così come il suo primo marito indiano, quando John la incontra per la prima volta), lo porterà a imparare la lingua sioux, a condividere problemi e sentimenti di quel popolo, a integrarsi nella vita, nelle tradizioni, negli usi e nella cultura indiane, molto migliori dei bianchi. Viene accettato soprattutto quando, grazie alle sue pistole, i Sioux uccidono facilmente tutti i Pawnee, compreso il capo, vendicando i parenti di Alzata Con Pugno.
Un drammatico scontro con i soldati nordisti (suoi ex-commilitoni) lo convince a cancellare definitivamente il suo passato di soldato e di uomo bianco: diventa così Balla Coi Lupi, nome dato dalla sua "nuova famiglia" adottiva sioux, in ricordo dell'unica sua compagnia da soldato solitario al forte, il lupo Due Calzini. Quando Due Calzini e Cisco vengono uccisi dai bianchi, John e i Sioux li combattono e li sterminano.
Ricercato e inseguito come traditore dai bianchi, sarà costretto ad abbandonare, assieme alla moglie, quello che è diventato il suo popolo, ma per evitare rappresaglie degli Yankees nei confronti dei Sioux, anche loro migreranno con lui al sicuro, lontani dagli Usa, in Canada.

Curiosità sul film

Il film si colloca nel periodo della Guerra di secessione americana. È infatti sul finire di tale guerra che il governo americano inizia la conquista del West, invadendo e massacrando le grandi tribù natie delle Pianure americane, quali Sioux, Cheyenne, Comanche e Apache.

Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

11 commenti:

  1. Un film epocale, hai fatto bene a ricordarlo.

    RispondiElimina
  2. Una recensione bene chiarita, è un film grandioso.

    RispondiElimina
  3. Ho letto la trama, ma non vedo tracce di recensione.

    RispondiElimina
  4. A suo tempo l'avevo perso. Peccato! Il tuo post mi stimola a procurarmi il DVD.

    RispondiElimina
  5. l'ho visto e rivisto tante volte ed ogni volta mi emoziona sempre

    RispondiElimina
  6. Un film che ho visto diverse volte e l'ho sempre " goduto "
    Non mi è chiaro il motivo , ma io sono sempre dalla parte delle minoranze,
    quindi , dalla parte degli Indiani Americani....mai conosciuto uno...Laura A.

    RispondiElimina
  7. è una delle mie enormi lacune cinematografiche!

    RispondiElimina
  8. grazie per la recensione, il film l'ho visto e mi è piaciuto tanto!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. Un film che non ho mai visto .. ma sicuramente provvederò dopo questa tua bella recensione ^^
    A presto .. Dream Teller ^^

    RispondiElimina
  10. Questo è un Film bellissimo che ho visto diverse volte e del quale ha suo tempo ho comprato io dvd in versione copleta. E' uno dei miei Film preferiti in assoluto davvero bello ed intenso. Invidio che non lo ha mai visto e lo vede per la prima volta ! Un saluto con abbraccio e Buona settimana

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.