martedì 30 dicembre 2014

2014: il punto della situazione



Mancano poche ore alla fine del 2014 e indubbiamente sarà un anno difficile da ricordare. Molte famiglie sono in preda a difficoltà economiche e fanno i salti mortali per sopravvivere; la parola vivere sarebbe difficilmente conciliabile. Ancora una volta la politica ha sbattuto la porta in faccia a milioni di persone e gli interessi dei potenti e dei ricchi hanno prevalso sulla maggioranza popolare. Il futuro sarà sempre più precarizzato e ci sarà ogni tipo di ricatto lavorativo, le favole lasciamoli ai parolai, visto che in Italia siamo ricchi di questi personaggi.
La crisi in quest’anno ha generato sempre più discriminazioni e aumentato l’intolleranza, che va di pari passo con l’ignoranza. La famosa guerra dei poveri è una conseguenza di tutto quello che i potenti vogliono e solo un cambiamento radicale può fermare questo declino. In giro vedo una vera regressione e come se l’uomo iniziasse ad avere un’involuzione; non si pensa più con la propria testa e si è assuefatti dal sistema.

Cosa mi aspetto dal 2015?

Niente di nuovo, anzi un peggioramento e questo non è pessimismo ma realismo. Il futuro passa nelle mani del 99% del genere umano e solo quando ognuno lascerà a casa il proprio orticello, allora il futuro sarà roseo.



12 commenti:

  1. Ottimo post Cavaliere,mi sa che hai proprio ragione,ma sperar non nuoce!
    Ti auguro una buona fine ed un anno nuovo pieno di salute,amore,serenità e tutto quello che desideri tu!Un abbraccione da Olgica

    RispondiElimina
  2. Cav, è giusto vederla realisticamente, per stare coi piedi per terra... ma egoisticamente possiamo sempre sperare in meglio, a iniziare dalle cose nostre^^

    Moz-

    RispondiElimina
  3. purtroppo hai ragione.... e solo un miracolo salvera' tutto!!! Lo speriamo davvero!!
    ti auguro un sereno e prosperoso 2015!!! auguri!!! :)

    RispondiElimina
  4. Sai che ti dico?
    Che tutto quello che hai detto è giusto, ma che è inutile stare a piangere e a dire "oddio, non va bene niente!".
    E se morissimo domattina?
    Viviamo al meglio, accidenti, anche col poco che abbiamo!
    Buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente bisogna vivere ogni istante oppure è la fine.

      Elimina
  5. Che l'involuzione dell'uomo è in atto è cosa nota a tutti... Il 2014 è stato come il 2013, il 2012...
    A tirare i fili di questo paese ci sono dei giullari di corte che a loro volta vengono manovrati da altri giullari. A questo punto io mi chiedo: se la situazione negativa che ristagna come un miasma letale in Italia è arrivata a questo punto di chi sono le responsabilità? In parte di politici incapaci e in parte degli italiani che li hanno votati, che hanno sempre fatto del clientelismo il loro modo di vivere. Volete che qualcosa cambi? Svegliatevi, smettete di piangervi addosso e agite!
    Happy new year.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te e la colpa è degli italiani, che continuano a credere alle favole.

      Elimina
  6. Ho vissuto e lavorato in + Paesi Europei, L'Italia è la + bella e piena di risorse
    naturali , mari , monti laghi, opere d'Arte ecc....mi piange dirlo , ma è governata male da gente avida che pensa solo al proprio orticello . Non ci
    resta che la speranza di un futuro migliore . Buon 2015 a tutti voi. Laura A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la preziosa testimonianza.
      Sereno anno nuovo anche a te.

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione. Vi ricordo, prima di lasciare qualche commento, di leggere attentamente la privacy policy. Ricordatevi che lasciando un commento nel modulo, il vostro username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile, inoltre potrà portare al vostro profilo a seconda della impostazione che si è scelta.