giovedì 7 aprile 2011

Ricordati l'appuntamento per il 9 aprile: Il nostro tempo è adesso , la vita non aspetta


Una grande manifestazione è in programma  a Roma per il 9 aprile,contro il precariato a vita.Il futuro di ogni Paese è nei  giovani ;ma in Italia spesso una classe politica cieca,dimentica questa grande risorsa.Non è facile vivere con un lavoro precario e senza un assicurazione per il futuro;troppo comodo parlare di flessibilità a senso unico sulle spalle di milioni di persone,mentre  molti politici rimangono incollati alle loro poltrone per anni.



Vi lascio l'appello dei promotori di questa manifestazione:




Non c’è più tempo per l’attesa. E’ il tempo per la nostra generazione di prendere spazi e alzare la voce. Per dire che questo paese non ci somiglia, ma non abbiamo alcuna intenzione di abbandonarlo. Soprattutto nelle mani di chi lo umilia quotidianamente.
Siamo la grande risorsa di questo paese. Eppure questo paese ci tiene ai margini. Senza di noi decine di migliaia di imprese ed enti pubblici, università e studi professionali non saprebbero più a chi chiedere braccia e cervello e su chi scaricare i costi della crisi. Così il nostro paese ci spreme e ci spreca allo stesso tempo.
Siamo una generazione precaria: senza lavoro, sottopagati o costretti al lavoro invisibile e gratuito, condannati a una lunghissima dipendenza dai genitori. La precarietà per noi si fa vita, assenza quotidiana di diritti: dal diritto allo studio al diritto alla casa, dal reddito alla salute, alla possibilità di realizzare la propria felicità affettiva. Soprattutto per le giovani donne, su cui pesa il ricatto di una contrapposizione tra lavoro e vita.
Non siamo più disposti a vivere in un paese così profondamente ingiusto. Lo spettacolo delle nostre vite inutilmente faticose, delle aspettative tradite, delle fughe all’estero per cercare opportunità e garanzie che in Italia non esistono, non è più tollerabile. Come non sono più tollerabili i privilegi e le disuguaglianze che rendono impossibile la liberazione delle tante potenzialità represse.
Non è più tempo solo di resistere, ma di passare all’azione, un’azione comune, perché ormai si è infranta l’illusione della salvezza individuale. Per raccontare chi siamo e non essere raccontati, per vivere e non sopravvivere, per stare insieme e non da soli.
Vogliamo tutto un altro paese. Non più schiavo di rendite, raccomandazioni e clientele. Pretendiamo un paese che permetta a tutti di studiare, di lavorare, di inventare. Che investa sulla ricerca, che valorizzi i nostri talenti e la nostra motivazione, che sostenga economicamente chi perde il lavoro, chi lo cerca e chi non lo trova, chi vuole scommettere su idee nuove e ambiziose, chi vuole formarsi in autonomia. Vogliamo un paese che entri davvero in Europa.
Siamo stanchi di questa vita insostenibile, ma scegliamo di restare. Questo grido è un appello a tutti a scendere in piazza: a chi ha lavori precari o sottopagati, a chi non riesce a pagare l’affitto, a chi è stanco di chiedere soldi ai genitori, a chi chiede un mutuo e non glielo danno, a chi il lavoro non lo trova e a chi passa da uno stage all’altro, alle studentesse e agli studenti che hanno scosso l’Italia, a chi studia e a chi non lo può fare, a tutti coloro che la precarietà non la vivono in prima persona e a quelli che la “pagano” ai loro figli. Lo chiediamo a tutti quelli che hanno intenzione di riprendersi questo tempo, di scommettere sul presente ancor prima che sul futuro, e che hanno intenzione di farlo adesso.

Per aderire: www.ilnostrotempoeadesso.it

Pagina Facebook:il nostro tempo è adesso

Fonte:Il nostro tempo è adesso

Video credit   ilnostrotempoeadesso  caricato su Youtube

14 commenti:

  1. Accidenti. Ormai dovrem mettere le brande in piazza e non muoverci pù da lì.

    RispondiElimina
  2. Eheh ben detto Sandra, ci son così tanti motivi per manifestare, che dovremmo stare diversi mesi in piazza.

    RispondiElimina
  3. Vivo lontana da Roma ma col cuore sarò lì se può servire.
    Ciao, buona giornata
    Anna

    RispondiElimina
  4. è la questione più importante in Italia, corro a fare un avviso sul mio blog
    ciao

    RispondiElimina
  5. E' un problema vero
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  6. Grazie Cavaliere per avere ricordato questa importante data.
    Metto l'avviso anch'io sul mio blog.
    Ciao,
    Lara

    RispondiElimina
  7. E' un problema pesante e di grande attualità. Se abitassi a Roma parteciperei, ma sono sicura che ci sarà un grande afflusso perché la questione tocca pressocché l'intera popolazione giovane in Italia.

    RispondiElimina
  8. Realtà alla quale non possiamo sottrarci...mobilitarci ora , per salvaguardare il futuro .
    Dandelìon

    RispondiElimina
  9. ha ragione sandra!!!!!!
    sono lontana da Roma ma con il cuore seguiro' bene la vicenda.
    Il lavoro fisso e' un diritto per ogni persona vivente, per una vita almeno ......decente!!!

    ciao cavaliere felice giornata!!

    RispondiElimina
  10. aderisco volentieri, grazie.

    RispondiElimina
  11. Ciao C. volevo ringraziarti, ho letto da Lara, bisogna partecipare, è un problema che riguarda tutti, anche per il futuro di figli e nipoti.
    Un caro saluto e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  12. Greetings from Finland. This blog is a fun, through access to other countries, people, culture and nature. Come see Teuvo pictures on my blog. Tell your friends why he must visit Teuvo pictures on my blog. Therefore, to obtain your country's flag rise higher Teuvo blog pictures of the flag collection. Have a wonderful weekend Teuvo Vehkalahti Finland

    RispondiElimina
  13. mi associo, come ho già scritto da Lara.ciaooo cavaliere

    RispondiElimina
  14. grazie , perchè per la prima volta ero allo scuro di una data ,come dice Riri riguarda figli e nipoti .....grazie

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.