martedì 19 aprile 2011

Ricette:Casatiello

Casatiello01Il casatiello è un rustico tipico della cucina napoletana. È conosciuto anche con il nome di tòrtano (ma con questo nome viene generalmente indicata una sua variante) e fa parte della tradizione gastronomica delle festività pasquali. Anche se spesso viene preparato in altri periodi, e lentamente si sta perfino inserendo nel menu natalizio, rimane una prelibatezza saldamente legata alla celebrazione della Pasqua.
Diversamente da altri prodotti della tradizione napoletana non commerciabili ma dalla preparazione essenzialmente casalinga, la ricetta è più o meno standardizzata e non presenta grosse variazioni da famiglia a famiglia.

Ingredienti:

Per l'impasto
  • 1 kg di farina di tipo 00
  • 500 ml di acqua
  • 25 g di lievito di birra
  • 200 g di strutto
  • sale e pepe q.b.
Per la farcitura
  • 100 g di salame tipo napoli tagliato a cubetti
  • 100 g di pancetta tagliata a cubetti
  • 100 g di prosciutto cotto tagliato a cubetti
  • 100 g di ciccioli tagliati a cubetti
  • 100 g di provolone (preferibilmente piccante) tagliato a cubetti
  • 100 g di emmentaler tagliato a cubetti
  • 100 g di parmigiano o grana padano tagliato a cubetti
  • 100 g di pecorino grattugiato
  • 4 uova


Preparazione:


  1. Far sciogliere il lievito in poca acqua appena tiepida.
  2. Disporre la farina a fontana e aggiungervi l'acqua con il lievito, poi impastare aggiungedovi a poco a poco il resto dell'acqua.
  3. Continuando a impastare, incorporare sale, pepe e strutto, avendo cura di lasciarne da parte una piccola quantità che servirà a ungere lo stampo.
  4. Lavorare l'impasto con molta forza per almeno una decina di minuti.
  5. Dare all'impasto la forma di una palla, disporlo su una superficie piana in ambiente tiepido e lasciarlo lievitare per almeno due ore, finché non ha raddoppiato il volume.
  6. Su una superficie piana leggermente infarinata, stendere l'impasto con un mattarello dandogli forma quadrata e spessore di circa un centimetro. Lasciare da parte un po' di pasta.
  7. Disporre i formaggi e i salumi tagliati a cubetti uniformemente sull'impasto e spolverarli con il pecorino grattugiato.
  8. Arrotolare stretto ma con delicatezza fino ad avere un rotolo uniforme.
  9. Ungere con lo strutto un ruoto per ciambelle e disporvi il rotolo unendone le estremità.
  10. Coprire con un canovaccio pulito e lasciar lievitare per altre due ore.
  11. Infine poggiare le uova (ben lavate) sull'impasto lievitato, premerle delicatamente per farle penetrare di circa la metà e fissarle con due striscioline ricavate dall'impasto che era stato messo da parte.
  12. Cuocere per circa un'ora a 160° in forno preriscaldato.
Note:
  • Salumi e formaggi della farcitura possono essere cambiati a seconda dei gusti personali.



  • La cottura in un forno a legna è ottimale e più tradizionale. Avendone la possibilità, sarebbe meglio preferirla alla cottura in forno elettrico.



  • Invece di disporre le uova intere sul casatiello, è possibile bollirle sode, tagliarle a cubetti e incorporarle nella farcitura insieme ai salumi e ai formaggi. In questo caso il risultato propriamente detto sarà un tòrtano.

     Il casatiello si mangia generalmente a temperatura ambiente, ma può essere servito anche appena sfornato o riscaldato.

    Se vuoi pubblicare una tua ricetta in questo blog;vai su Segnala e condividi per seguire la procedura.

    Fonte:Wikibooks



  • Autore post: Vari


    6 commenti:

    1. mmmhh che acquolina in bocca!
      è quasi l'una ed ho fame!!!!!!!!!!!!!!!!
      ciao Nina

      RispondiElimina
    2. Ho l'impressione di averlo già assaggiato durante una dei miei viaggetti a Napoli.
      Ciao e serena giornata.

      RispondiElimina
    3. uhhhhhhh grazie questo é da tanto tempo che volevo farlo!!! lo mangia sempre un mio amico artista romano!!!

      RispondiElimina
    4. Se fossi vicina di casa di ROS, (Piccole gioie di ROS) le farei trovare questa specialità come regalo di compleanno!

      Sono certa che passerai a farle gli auguri.
      Grazie cavaliere ;) Dolce notte,
      Ele

      RispondiElimina
    5. ...tengo la ricetta ...sia mai...:))
      ...qui ...lo mangerei Tutto io.:(....:)))
      ciaoo Vania

      RispondiElimina
    6. Ho avuto la fortuna di degustarlo!

      RispondiElimina

    I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.