giovedì 7 aprile 2011

Lo steccato dell'amicizia


C'era una volta un ragazzo con un brutto carattere.
Suo padre gli diede un sacchetto di chiodi e gli disse di piantarne uno nello steccato del giardino ogni volta che avesse perso la pazienza e litigato con qualcuno.
Il primo giorno il ragazzo piantò 27 chiodi nello steccato.
Nelle settimane seguenti, imparò a controllarsi e il numero di chiodi piantati nello steccato diminuì giorno per giorno: aveva scoperto che era più facile controllarsi che piantare chiodi. Finalmente arrivò un giorno in cui il ragazzo non piantò alcun chiodo nello steccato. Allora andò dal padre e gli disse che per quel giorno non aveva piantato alcun chiodo.
Il padre allora gli disse: leva un chiodo nello steccato del giardino per ogni giorno che non perderai la pazienza e non litigherai con qualcuno. I giorni passarono e finalmente il ragazzo poté dire al padre che aveva levato tutti i chiodi dallo steccato.
Il padre portò il ragazzo davanti allo steccato e gli disse: "Figlio mio, ti sei comportato bene ma guarda quanti buchi ci sono nello steccato. Lo steccato non sarà mai più come prima. Quando litighi con qualcuno e gli dici qualcosa di brutto, gli lasci una ferita come queste. Puoi piantare un coltello in un uomo, e poi levarlo, ma rimarrà sempre una ferita, non importa quante volte ti scuserai, la ferita rimarrà."

Una ferita verbale fa male quanto una fisica. Gli amici sono gioielli rari, ti fanno sorridere e ti incoraggiano. Sono pronti ad ascoltarti quando ne hai bisogno, ti sostengono e ti aprono il cuore .

Autore:Testo trovato sul web da varie fonti e senza segnalazioni sull'autore

4 commenti:

  1. L'avevo letta, è davvero interessante. Però un vero amico è anche quello che non ti fa pesare se gli hai lasciato un buco, dato che non siamo perfetti e può succedere di sbagliare.

    RispondiElimina
  2. Bella bella bella. Gli amici veri sono dei tesori.

    RispondiElimina
  3. Si può sopportare qualche buco procurato pensando a quelli che abbiamo causato.
    Il padre ha dato un saggio insegnamento al figlio. A volte le parole sono come punteruoli.
    Ciao Cavaliere.. :)

    RispondiElimina
  4. Davvero bellissimo Cavaliere.
    Felice giorno a Te
    Dandelìon

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.