martedì 18 gennaio 2011

Un grande progetto per ricostruire L’Aquila in 3D sul Web

Un progetto grafico tridimensionale per far rinascere L’Aquila. È l’idea che sta portando avanti l’architetto inglese Barnaby Gunning, aquilano d’adozione, che ha pensato di ricostruire virtualmente la città su internet avvalendosi della tecnologia di Google Earth. L’idea è semplice e allo stesso tempo molto efficace: si cerca di raccogliere un gran numero di fotografie della città, scattate sia prima che dopo il sisma; le fotografie, opportunamente lavorate con dei software 3D, vanno poi a formare un modello all’interno del quale è possibile navigare sia nella città “virtuale” (cioè quella ricostruita con le immagini precedenti al terremoto) sia in quella “reale” (documentata con le foto raccolte dopo il sisma e con le immagini satellitari).
“A distanza di un anno e mezzo dal terremoto del 6 aprile 2009 – si legge nel sito creato appositamente per l’iniziativa, “Comefacciamo” – c’è ancora una mancanza di visione sulla ricostruzione. Il centro storico dell’Aquila è ancora chiuso, sembra una città fantasma, e senza un piano strategico pubblico i cittadini non sanno ancora che sarà della loro bellissima città”.
Barnaby Gunning conobbe L’Aquila quando, una ventina di anni fa, studente in Architettura a Roma, decise di visitarla. “C’era un mare di gente – raccontò qualche mese fa, alla partenza del progetto – un fracasso tremendo e bellissimo, si gridava e si rideva attorno alla Fontana Luminosa. Pensavo che ci fosse una festa, poi ho imparato che quella era invece la vera anima della città”.

Leggi l’articolo su Il Fatto Quotidiano

Fonte:Il Fatto Quotidiano

Autore post:Daniele Semeraro

Licenza:Creative Commons(http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/)

Articolo tratto interamente da Il Fatto Quotidiano

Credit video bgarchitects

2 commenti:

  1. Ho vissuto a L'Aquila per sei anni, fino al 6 Aprile del 2009. Ho studiato lì e conosciuto gli abruzzesi. Mi mancano le loro chiacchiere, il loro affetto. Mi manca la città, splendida e fortissima, incrollabile. Sotto le pietre ancora respira. Ed io con Lei.
    Un caro saluto, Sara!

    RispondiElimina
  2. @S A ® A

    Benvenuta nel mio blog e piacere di fare la tua conoscenza.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.