venerdì 14 gennaio 2011

Accadde oggi:14 gennaio 1900;La Tosca di Giacomo Puccini viene rappresentata per la prima volta a Roma


Era il 14 gennaio del 1900, quando al Teatro Costanzi di Roma, ci fu la prima rappresentazione della famosa opera lirica di Puccini.Ecco un po' di storia,tratta da Wikipedia:
Tosca è un'opera lirica in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica. La prima rappresentazione si tenne a Roma, al Teatro Costanzi, il 14 gennaio 1900.
Il libretto deriva da La Tosca di Victorien Sardou, il dramma rappresentato per la prima volta il 24 novembre 1887 al Théatre de la Porte-Saint-Martin di Parigi, il cui successo fu legato soprattutto all'interpretazione di Sarah Bernhardt nei panni della protagonista.Durante una tournée, La Tosca venne rappresentata anche al Teatro dei Filodrammatici di Milano, all'inizio del 1889, e Giacomo Puccini vi assistette, rimanendone molto colpito.Così Puccini cominciò a pensare di ricavarne un'opera. Ne parlò con l'editore Giulio Ricordi, chiedendogli di interessarsi ai diritti dell’opera per avere l’autorizzazione a musicarla.
Sardou non oppose un netto rifiuto ma dimostrò freddezza; in ogni modo alla fine del 1893 Ricordi ottenne l'autorizzazione a musicarla, anche se a favore di un altro compositore, Alberto Franchetti, che aveva da poco trionfato con Cristoforo Colombo (1892).
Luigi Illica preparò l'abbozzo del libretto, che fece approvare da Sardou in presenza di Giulio Ricordi e Giuseppe Verdi (quest'ultimo, a Parigi per la prima francese di Otello, confiderà qualche anno più tardi al suo biografo che, se non fosse stato per l'età, avrebbe voluto lui stesso musicare Tosca).
Dopo pochi mesi Franchetti rinunciò a comporre l'opera. Così Ricordi commissionò l'opera a Puccini, nel 1895. Cominciò il lavoro qualche mese dopo il successo de La bohème, nella tarda primavera del 1896. Partecipò alla stesura del libretto anche Giuseppe Giacosa, anche se riteneva il soggetto poco poetico e sosteneva che il successo dell’opera era dato dalla bravura della Bernhardt e non dal testo.
Dopo alcuni contrasti e ripensamenti, nell'ottobre 1899 l’opera fu completata e il 14 gennaio 1900 venne rappresentata al Teatro Costanzi di Roma, con il soprano Hariclea Darclée nel ruolo di Tosca, il tenore Emilio de Marchi nei panni di Cavaradossi e il baritono Eugenio Giraldoni come Scarpia.
Fu un evento molto importante, infatti erano presenti molti compositori famosi (Mascagni, Franchetti), il presidente del Consiglio Pelloux e anche la regina Margherita di Savoia. La serata fu un po' nervosa, infatti a causa di alcuni spettatori ritardatari, il direttore d'orchestra Leopoldo Mugnone fu costretto a ricominciare l'esecuzione da capo.Inizialmente l’opera venne criticata perché non corrispondeva a ciò che ci si aspettava dopo La bohème. Tuttavia dopo le prime reazioni l'opera si diffuse ed ebbe sempre maggior successo (soprattutto grazie agli artisti di canto e al pubblico) tanto che nel giro di tre anni fu rappresentata in tutto il mondo.

Continua la lettura su....Wikipedia, l'enciclopedia libera

Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera

3 commenti:

  1. Amo Puccini e tutta la musica lirica.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Oh dolci baci, oh languide carezze ... Ho imparato questa "canzone" quand'ero piccola. Mia madre era appassionatissima di opere liriche e la canticchiava spesso.
    Ho visto moltissime opere alla Scala, ma la Tosca non sono mai riuscita a vederla.

    RispondiElimina
  3. Tosca! La mia opera preferita del mio compositore preferito!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.