domenica 28 novembre 2010

Racconti:Amore per il mare di Jules Verne



Voi amate il mare, capitano?

Si! l'amo! Il mare è tutto. Copre i sette decimi del globo terrestre; il suo respiro è puro e sano; è l'immenso deserto in cui l'uomo non è mai solo, poiché sente fremere la vita accanto a sé. Il mare non è altro che il veicolo di un'esistenza straordinaria e prodigiosa; non è che movimento e amore, è l'infinito vivente, come ha detto uno dei vostri poeti. Infatti, signor professore, la natura vi si manifesta con i suoi tre regni: minerale, vegetale, animale. Quest'ultimo vi è largamente rappresentato da quattro gruppi di zoofiti, da tre classi di articolati, da cinque classi di molluschi, da tre di vertebrati, dai mammiferi, dai rettili e dalle innumerevoli legioni di pesci, che contano oltre tredicimila specie, di cui un decimo soltanto appartiene all'acqua dolce. Il mare è il grande serbatoio della natura, è dal mare che il globo è, per così dire, incominciato, e chissà che non finisca in lui. Ivi è la calma suprema. Il mare non appartiene ai despoti. Alla sua superficie essi possono ancora esercitare diritti iniqui e battersi, divorarsi, recarvi tutti gli orrori della terra; ma trenta piedi sotto il suo livello, il loro potere cessa, la loro influenza si estingue, tutta la loro potenza svanisce! Ah! signore, vivete, vivete nel seno del mare! Qui soltanto è indipendenza, qui non riconosco padroni, qui sono libero!

Jules Verne

5 commenti:

  1. anch'io amo il mare.....peccato che son anni che non ci vado!Ma so che lui ci sarà sempre,magari aspettando me...
    lu

    RispondiElimina
  2. Del mare non riesco a fare a meno.

    RispondiElimina
  3. bellissimo racconto!! ciao e buon lunedì ;)

    RispondiElimina
  4. Penso che Jules Verne, sia il piu grande scrittore di storie fantastiche al mondo. Ho avuto la fortuna di visitare la sua casa ad Amiens che rispecchia a pieno il mondo dei suoi libri, sull'intero pavimento del suo studio ad esempio è disegnata la cartina che gli servì per scrivere "il giro del mondo in 80 giorni" e la soffitta è piena di antichi bauli stracarichi di carte geografiche ed oggetti di ogni tipo e forma che sono il risultato delle sue sperimentazioni,è una casa impregnata della sua smisurata immaginazione!

    RispondiElimina
  5. Verne! Lui e Salgari sono gli autori della mia infanzia!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.